[Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Qui sono raccolti i topic sulle traduzioni effettuate dagli utenti di questa community. Questa area permetterà ai nostri traduttori di effettuare tutte le manovre necessarie per lavorare. Le traduzioni terminate saranno spostate in Traduzioni Completate

Moderatore: Bucanieri Dei Caraibi

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 5 ott 2018, 23:25

MiW-Special-Box
"I GROUTS - Non oltrepassare". Dopo aver visto la tomba finale, Guybrush guardò una fila di croci conficcate casualmente nel terreno. Anche queste portavano un incisione: "Le croci casual di Stan™: Per tombe che non hanno bisogno di epitaffi". Fortunatamente alcune delle croci in realtà riportavano dei nomi, meno fortunatamente non avevano il nome che lui stava cercando. "Qui giace Hank Plank. Qualcuno forse riconosce quel nome? Non aveva denaro con se quando è morto, e qualcuno deve pagare per il funerale - Stan". Nessuna delle croci fu di alcun aiuto. "Qui giace il Cane Nibbles. Era un cane cattivo. Siamo lieti che sia morto."

Guybrush sospirò e guardò la collina, che a 270 gradi da lui si sollevava sopra il livello del mare. Su questo cumulo di terra c'erano piantate delle pietre tombali, in una posizione che le metteva al riparo dal vento grazie al fitto fogliame che che si trovava tra loro e il mare.

Le prime tre lapidi che incrociò si trovavano così vicine come a costituire un gruppo, erano quelle del Pirata Sconosciuto, del Mozzo Sconosciuto, e del Ragazzo Ubriaco Sconosciuto trovato sulla spiaggia con la faccia nel suo vomito. Le successive tre erano riservate per futuri occupanti.

Restavano così da esaminare solo quattro tombe, quelle che si trovavano sulla sommità del promontorio, sotto i rami della vegetazione.

Guybrush si diresse verso la prima. "Qui giace Daredevil Jim McDow. Mano d'acciaio, gamba di legno ... di Jim l'unico sostegno. Una vita d'azione - questo era Jim. Peccato che fosse a corto di arti." Sarebbe potuto passare direttamente alla prossima, ma in realtà alcuni di questi epitaffi erano davvero buoni. Inoltre, non avrebbe voluto mancare di rispetto a dei morti su un'isola pirata come Scabb.

Passò alla lapide successiva, che era più piccola, ma più elegante. "Nessuno ha mai comandato Jean Louise. Né per mare, né per terra. Jean ha fatto quello che gli pareva. Finché non ha baciato la figlia del pistolero."

La seguente pietra tombale sembrava avere anche una sorta di poesia.

"Una volta c'era una ragazza di nome Carrie,
Che pensò di volersi sposare presto.
Ella andò in città
E flirtò un pò,
Non si sposò e venne sepolta."

C'era una lapide a sinistra. Occupava un posto di quasi centrale sulla collina. Guybrush trattenne il respiro mentre leggeva l'iscrizione.

"Marco Largo LaGrande, Inferno sul mare o sulla sabbia. La buona notizia è, che è morto. La brutta notizia è, che è resuscitato."

Dopo aver controllato ogni singola tomba nel cimitero, Guybrush aveva finalmente trovato il suo uomo. Abbassò lo sguardo al suolo su cui presto avrebbe dovuto scavare, e vide con sollievo che era morbido e non troppo secco.

Il labbro di metallo della pala affondò in profondità nella terra. La luna piena splendeva nella notte priva di nubi, ma in qualche modo, da qualche parte, un fulmine esplose improvvisamente, immergendo il cimitero in un'atmosfera lugubre. Il lampo si accese e il tuono piombò di nuovo mentre Guybrush scavava sempre più in profondità.

La pala colpì del legno. Non era un legno molto robusto, cosicché la lama metallica ci sprofondò proprio attraverso fin nello spazio sottostante. Guybrush gettò la pala e si inginocchiò. L'odore della morte si diffuse tutt'intorno.

Il nostro affondò la mano nella bara e afferrò un osso. Quello venne fuori facilmente nel suo pugno, e alla luce della luna Guybrush vide che era un femore. Lo sollevò sopra la sua testa trionfante.

Violente esplosioni di fulmini accesero il cielo. Gli alberi intorno a lui tremarono sotto la forza del tuono, oscillando da entrambi i lati verso il mare. Raffiche di vento spazzarono il promontorio.

Largo LaGrande si trovava nella sua camera al Swamp Rot Inn, e non era tranquillo. "Giurerei sulla tomba di mio nonno, che sta succedendo qualcosa di strano," pensò, cercando di capire il motivo per cui si sentiva improvvisamente così strano, così leggero.

Tornati al cimitero, le cose si calmarono una volta che Guybrush nascose l'osso nel suo cappotto. Riempì la buca e fu presto sulla via d'uscita.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 5 ott 2018, 23:26

MiW-Special-Box
Fu una passeggiata lunga e faticosa fino a Woodtick, ma ciò diede a Guybrush un sacco di tempo per riflettere su come e dove avrebbe potuto ottenere gli altri ingredienti. Trovare qualcosa del tessuto non sarebbe stato difficile - tutto quello che doveva fare era forzare la porta della stanza di Largo al Swamp Rot Inn, prendere un capo di abbigliamento, e uscire. Trovare qualcosa della testa sarebbe stato un po' più difficile, a meno che Largo non fosse il tipo da tagliarsi i capelli da solo. La cosa più difficile sembrava essere il fluido corporeo. Guybrush poteva pensare solo a tre modi. Uno riguardava una ferita, e non c'era modo a che Guybrush facesse del male a Largo senza una bambola voodoo a proteggerlo. Un altro riguardava dei lavacri personali, e Guybrush trovava l'idea di prelevare l'urina di Largo ancora meno attraente. Il terzo modo poteva anche essere messo totalmente da parte.

Ma mentre si avvicinava Woodtick, pensò ad una quarta via - lo sputo.

Il muco verde che Largo aveva mollato al Bloody Lip. Probabilmente era ancora lì - il bar non sembrava il posto in cui le pulizie fossero così frequenti.

Woodtick apparì all'orizzonte. Guybrush allungò agilmente il passo tra le piattaforme fino a quando non arrivò al Bloody Lip, dove aprì il portello, si tuffò giù per le scale, e si mise a studiare gli oscuri interni del locale.

Era ancora lì. Una piccola macchia verde brillante sul muro. Non si poteva non farci caso. Largo era stato qui. Guybrush si avvicinò e si abbassò sulle ginocchia, ignorando le strane occhiate che riceveva dal barista. Allungò una mano, poi intervenne il buon senso e la ritirò velocemente.

Come avrebbe fatto a raccogliere lo sputo?

Per fortuna la risposta era a portata di mano. Guybrush, si guardò intorno nella stanza, vide l'annuncio sul pianoforte e lo prese. Era carta per scrivere. Non troppo spessa, e non troppo sottile. Perfetta.

Guybrush asciugò via lo sputo, piegò il foglio in due, e cautamente se lo fece scivolare in una tasca della giacca. E con questo erano due.

Guybrush guardò con desiderio la cucina, a quel lavoro che dovrebbe essere stato leggittimamente il suo, e poi si voltò a guardare il barista, che sembrava essersi completamente dimenticato di lui. Il nostro aveva un'idea.

Si alzò, sgattaiolò attraverso la porta della cucina, e scivolò attorno al fornello. Una volta dentro, si chinò contro il muro in modo da essere fuori dalla vista del barista. Espirò, e si guardò intorno.

Non era un brutto cucinino, certamente era migliore di quello nello Scumm Bar. C'erano un sacco di prodotti in scatola nella credenza alla sua destra, e a un esame più attento tutti si rivelarono essere scatole di macedonia. C'erano scaffali carichi di carne e boccali, enormi sacchi, botti, e casse. Il tavolo al centro della stanza era scoperto, c'era solo un coltello e un candelabro. E sul fondo c'era il più grande, più brutto, più sudicio fornello in ghisa che Guybrush avesse mai visto.

E poi c'era lo chef. Era magro, aveva i capelli neri, e indossava un grembiule rosso molto vistoso, ma Guybrush non riuscì a capire molto di più perché lo chef era girato di spalle, e stava facendo qualcosa su di un barile in un angolo.

Guybrush in punta di piedi si avviò verso il centro del tavolo e prese il coltello. Pensò di assassinare lo chef, liberando così il posto di lavoro, ma quello non era lui. Guybrush aveva una qualche avversione per la violenza. Almeno, si corresse, un'avversione per il tipo di violenza in cui un'altra persona ha la possibilità di infliggerne al prossimo. Ma il coltello sembrava buono, e lui sapeva che sarebbe stato utile così come lo sarebbe stata la corda, così lo prese.

C'era una grande pentola sul fornello, e Guybrush si avvicinò a dare un'occhiata a ciò che preparava lo chef. Guardò dentro, e vide una zuppa fredda di patate e porri. Guybrush odiava porri.

Lo chef improvvisamente si avviò verso un tavolo vicino alla porta, ignorando completamente Guybrush. Iniziò quindi a tagliare le verdure.

Guybrush deglutì. La sua via di fuga era stata bloccata. E sicuramente il barista si stava chiedendo dove era scomparso. Si guardò intorno freneticamente alla ricerca di una via di fuga.

Una c'era. Il muro vicino alla stufa aveva tre finestre. Solo una non aveva alcun vetro. Guybrush guardò fuori - sotto di essa c'era uno stretto cornicione. Sopra, semplicemente allungando il collo poteva vedere una ringhiera.

Guybrush si arrampicò fuori sul davanzale della finestra, e raggiunse la ringhiera. Allungandosi un po', avrebbe potuto afferrarla con entrambe le mani. Prese qualche respiro profondo, e contrasse i muscoli.

Guybrush saltò. Le sue braccia si piegarono, si ritrassero, e lo tirarono verso l'alto. Il suo piede sinistro trovò il pavimento del ponte, e Guybrush fu in grado di scavalcare la ringhiera per finirci sopra. Rimase lì per un minuto, respirando pesantemente.

Riprese subito fiato, e si alzò. Si avviò così verso la Swamp Rot Inn, perché ora aveva un piano per entrare dentro la stanza di Largo.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 5 ott 2018, 23:26

MiW-Special-Box
Il gestore dell'Inn, impegnato con il suo lavoro di ufficio, non si accorse assolutamente della piccola ombra furtiva che, proveniente dall'ingresso, girò intorno al grosso albero, a cui era stato legato il suo coccodrillo domestico, ripararandovisi infine dietro. Notò, però, un lampo verde qualche secondo più tardi, e alzò lo sguardo appena in tempo per vedere Pegbiter precipitarsi per le scale.

"Hey!" gridò. «Come si è perso il vecchio Pegbiter?" Si alzò rapidamente, girò intorno al bancone e si diresse velocemente verso l'uscita, si muoveva con una rapidità sorprendente per essere un uomo con una gamba di legno e un paio di baffi che gli raggiungevano le orecchie. "Sarà meglio che lo vada a prendere,..." mormorò tra sé e sé, "...prima che lui prenda qualcun altro."

Guybrush rimise il coltello in tasca e uscì da dietro l'albero. Guardò rapidamente verso l'ingresso, ma non ce n'era bisogno - l'uono si era già allontanato parecchio. Sorrise, e passò davanti alla reception fino alla scala.

Ben presto si trovò ad attraversare una piccola alcova, al cui interno c'era un'unica porta. Guybrush ascoltò nel caso ci fosse qualcuno in camera, poi aprì la porta.

Quello che vide fu una tipica camera da scapolo. L'unica lanterna emanava verso le pareti una luce gialla, fioca e tremolante, ma quella era più che sufficiente.

Il letto era disordinato e disfatto. Il pavimento (Guybrush non poteva scrutare abbastanza in profondità attraverso la sporcizia per vedere se c'era la moquette) era disseminato di avanzi raffermi. Guybrush si assicurò di non toccarli - sembrava che Largo stesse cercando di far crescere la penicillina.

Il nostro si ricordò che Largo sarebbe potuto tornare in qualsiasi momento. Entrò e cercò di chiudere la porta dietro di sé. Purtroppo oscillava leggermente rimanendo aperta. Guybrush provò di nuovo, ma la porta non sembrò chiudersi del tutto. Sospirò e si diresse verso il comò. Era un po' vecchio e aveva solo un cassetto. Questo era aperto e vuoto. Ma c'era qualcosa sul comò, che risollevò il morale di Guybrush.

Una testa di polistirolo. E sulla testa di polistirolo c'era un parrucchino nero, con tanti strani insettini bianchi sopra.

Largo indossava una parrucca. E aveva anche i pidocchi.

Si poteva considerare questo qualcosa della testa? Guybrush pensò di sì, e prese la parrucca togliendola dalla testa finta. Ora mancava solo qualcosa del tessuto, e Largo sicuramente doveva avere qualche vestito lì dentro.

Guybrush provò a tirare il cassetto aperto, ma questo non si mosse. Guardò sul pavimento. Si inginocchiò, abbassò la testa, e guardò sotto il letto di Largo. Sollevò il copriletto e guardò nel letto. Vide un paravento in un angolo e ci guardò dietro.

Niente da fare.

Largo era sicuramente il tipo di pirata che aveva un solo paio di vestiti - quelli che indossava. Guybrush aveva conosciuto diversi pirati come lui, per fortuna mai da vicino.

Questo rendeva la cosa più difficile. Avrebbe dovuto essere furbo...

Ma prima di tutto sarebbe dovuto uscire da lì, così avrebbe avuto il tempo di pensare. Era quasi arrivato alla porta quando questa gli si aprì di fronte, mostrando Largo.

"Chi ti ha fatto entrare nella mia stanza?!!" abbaiò Largo con rabbia.

"Io ... oh ... ho pensato fosse la mia stanza," balbettò Guybrush.

"Beh, non lo è. Quindi, vai a $#*&# fuori di qui!" Largo fortunatamente si fece da parte, permettendo a Guybrush di uscire velocemente dalla porta aperta e arrivare così nella hall. Rimase lì per un po ', calmandosi e pensando.

Doveva trovare un modo per far si che Largo si togliesse i vestiti. Forse non aveva nessun ricambio qui, ma probabilmente aveva degli altri vestiti in attesa presso la lavanderia. Ma come poteva far in modo che Largo cambiasse i suoi vestiti. Forse l'avrebbe fatto se erano molto macchiati. E c'era poi il problema aggiuntivo di evitare di essere uccisi come risultato delle macchie.

Guybrush passeggiò nell'ingresso, scartando varie idee. Infine, ebbe un piano. O almeno una specie.

La prima fase del piano riguardava una visita i pirati artisti esibizionisti. Loro avevano qualcosa di cui lui aveva bisogno. Appeso a un legno che si protendeva incastrato sotto la loro sporgenza c'era un secchio di metallo.

Guybrush stava quasi per prenderlo dal manico, ma il pirata basso si mosse e si svegliò. "Ehi, lascialo stare", disse bruscamente.

Guybrush ritirò la mano. "Mi dispiace, è il tuo secchio?" chiese educatamente.

"Bene ... no," ammise il pirata basso.

"Dunque non v'importa se lo prendo?"

"Suppongo di no", disse il pirata. Alzò le nelle spalle, e cadde di nuovo a dormire. Guybrush allungò una mano e prese il secchio. La fase uno era completata.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 5 ott 2018, 23:27

MiW-Special-Box
La seconda fase del piano seguì un quarto d'ora più tardi, mentre Guybrush era alla palude presso la Casa Internazionale di Mojo. Si inginocchiò il più vicino possibile alla palude, e immerse il secchio nel fango verde e marrone. Lo risollevò pesante e gocciolante. Quella era la fase due, il secchio di fango.

La terza fase del piano arrivò dopo un altro quarto d'ora, con Guybrush a Woodtick che cercava di fare l'indifferente mentre camminava portando in una mano un secchio di fango.

Entrò allo Swamp Rot Inn, ed espirò di sollievo vedendo che il gestore stava ancora inseguendo Pegbiter. Chi lo sapeva, forse era restato intrappolato nelle sabbie mobili o qualcosa del genere - quello si che sarebbe stato d'aiuto.

Guybrush tese l'orecchio una volta giunto vicino alla porta della camera di Largo, non sentì nulla, e la aprì rapidamente. Non c'era nessuno.

Entrò, e chiuse la porta alle sue spalle. Questa rimase sempre un po' aperta, ma ciò faceva parte del piano. Guybrush allora sollevò il secchio con entrambe le mani, mettendolo in equilibrio sulla cima della porta. Ah, ah! pensò. Largo avrebbe avuto una gran bella sorpresa quando avrebbe aperto la porta. Guybrush si appoggiò alla maniglia quando il manico fu troppo alto.

Ora era bloccato nella stanza di Largo. Non poteva uscire senza far cadere il secchio. E se Largo lo avesse scoperto lì - Guybrush rabbrividì al solo pensiero.

C'era stato un lieve cigolio dietro la porta. Era ... Largo?

Guybrush si guardò freneticamente attorno cercando una via di fuga. Stava per tuffarsi sotto il letto, quando pensò ai gas tossici che lì sotto lo avrebbero probabilmente asfissiato. Infine, si nascose dietro il paravento.

Fece appena in tempo. Sentì il cigolio della porta che si apriva, e ci fu il tempo per una sola nota di un fischio prima che arrivasse un pesante rumore.

"Ehi! Ma che DIAVOLO!" gridò Largo; la sua voce forte faceva eco, gorgogliando tra il fango e lo stagno attraverso cui doveva passare. Guybrush sentì Largo inciampare e colpire con le mani il secchio. Avrebbe voluto proprio vederlo.

"Cosa succede?" urlò Largo. "Chiunque abbia fatto questo la pagherà!" Inciampava da tutte le parti rovesciando così varie bottiglie. "Non riesco a togliermi questa roba dalla testa." La voce di Largo stava diventando sempre più forte e più arrabbiata. "Appena mi tolgo questa roba dalla testa qualcuno se ne pentirá"

Guybrush cercò di stringersi ancora di più dietro il paravento.

Largo inciampò rumorosamente varie volte, prima che alla fine riuscisse a trovare la porta. A quel punto uscì barcollando.

Guybrush continuò a sentire molte imprecazioni e schianti, ma si facevano via via sempre più distanti fino a che non poté più udirle. In quel momento venne fuori da dietro il paravento.

C'era una macchia marrone di bagnato davanti alla porta, ma non c'era molto fango. Era finito quasi tutto su Largo. Forse non avrei dovuto farlo, pensò Guybrush. Largo era sembrato furioso, cotto dalla rabbia.

Vabbè, ormai era fatto. Ora veniva la fase quattro - seguire la preda.

Guybrush salì per le scale verso l'uscita. Guardò a sinistra e destra, e trovò subito ciò che cercava. Largo stava urlando qualcosa al ragazzo della lavanderia. Guybrush sorrise e si diresse in quella direzione.

Mentre si avvicinava, vide che la camicia di Largo era pulita. Doveva aver già consegnato i suoi vestiti sporchi. Quando fu ancora più vicino iniziò a sentire quello che Largo stava urlando.

"Mi stai facendo arrabbiare, Marty," disse in maniera minacciosa Largo mentre Guybrush finalmente si avvicinava. Il nostro si diresse alla sua sinistra, nei pressi dei pirati che dormivano e cercò di non apparire troppo interessato a ciò che stava accadendo.

"Questo è il mio nome, non lo sciupare", disse Marty, esponendo così le gengive sdentate.

"Guarda, lo voglio gratis... e lo voglio stanotte."

"Una festa stanotte?" chiese Marty incredulo, spingendo gli occhiali sul naso. "Certo, certo ci sarò."

Largo lo fulminò con lo sguardo. "Sto parlando della mia biancheria."

Marty sorrise. "Non preoccuparti di me. Non ho intenzione di andarmene via."

"Ho detto, 'ne ho bisogno stanotte.'"

Marty mise una mano a coppa vicino al suo orecchio. "Cosa? Sì, staremo fuori tutta la notte."

"È tutto inutile", disse Largo. Voltandosi vide Guybrush. "Tu!" disse puntando un dito accusatore.

Gli occhi di Guybrush si spalancarono.

"Digli che tornerò a ritirarla," finì Largo. "altrimenti..." Infine tornò indietro verso la piattaforma e velocemente scomparve.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 5 ott 2018, 23:27

MiW-Special-Box
A questo punto, per vedere se il suo piano avesse funzionato, Guybrush si avvicinò a Marty, che lo guardava con aria interrogativa, anche se era difficile capire la sua espressione sotto quegli spessi occhiali.

"Come ti chiami?" cominciò Guybrush. Non aveva senso chiedergli immediatamente dei vestiti di Largo. Prima aveva bisogno di entrare in confidenza con Marty.

"Certo, figliolo, posso rimediarti dei salami», rispose Marty. "È facile. Posso anche estrarre grog, sputo e il fango dalla palude. Solo perché io sono Maaaarty il Pazzo. Si, sono pazzo e ti darò un bianco che più bianco non si può."

"Che cosa sai di Largo LaGrande?"

Marty lo fissò. "Non so niente di cargo e contrabbando." disse ad alta voce. "Sono pulito, pulito, pulito!"

Guybrush stava iniziando a capire che era un problema conversare con Marty - vale a dire, parlare in modo tale che ciò che Marty ascolti è quello che tu effettivamente abbia detto.

"Ho una domanda riguardo la lavanderia", disse Guybrush per provare.

"Spara."

"Fai delle riparazioni qui?"

Marty aveva capito quasi correttamente. "Ripara-azioni?" chiese, confuso. "Vuoi dire aggiustare i tuoi investimenti in borsa? Hai del fegato!"

"Spiacente", disse Guybrush. "Comunque, vorrei ritirare dei vestiti."

Marty doveva essere abituato a questa domanda, perché ora fissò Guybrush chiese: "Hai lo scontrino, figliolo?"

Guybrush si sarebbe preso a calci. "NO, NON HO IL MIO SCONTRINO", disse ad altissima voce.

"Non hai bisogno di urlarmi in faccia", disse Marty, un po' offeso. "Ti sento. Ma, non posso darti i vestiti senza lo scontrino."

"Ma io sono Largo LaGrande!"

Marty doveva essere sicuramente miope e un po' sordo, perché contestò questa affermazione, ma ripeté: "Niente scontrino, niente vestiti."

"Aah, cavolo," disse Guybrush, e si voltò.

Ok, il piano avrebbe dovuto essere modificato. Fase cinque - recuperare lo scontrino.

Guybrush entrò di soppiatto nella stanza di Largo, dopo aver controllato che era vuota. Dove avrebbe messo il suo scontrino Largo?

Mentre cercava, ebbe una sensazione di déjà vu. Il paravento era vuoto. Non c'era nulla sotto il letto, niente sul letto. Era inutile cercare sul pavimento. Non c'era niente nemmeno dietro la finestra. In preda alla disperazione, Guybrush controllò dietro la porta.

Dietro la porta non c'era niente. Ma attaccato sulla porta c'era lo scontrino.

Accidenti, pensò Guybrush, che era sempre stato un tipo frenetico e stressato. Prese lo scontrino e chiuse la porta. Fase cinque completata.

Ora era arrivato il momento per la fase sei - prendere la roba.

Guybrush non si preoccupò di provare a parlare con Marty, ma semplicemente gli diede lo scontrino. Marty agitò il biglietto, lo guardò, e lo mise da parte. «Vedrò cosa abbiamo di pronto per il signor LaGrande", disse, e si spostò un po' per azionare una carrucola. Iniziò a ruotare la puleggia, e dei vestiti appesi sullo stendibiancheria più vicino a Guybrush cominciarono a passargli davanti, attraversando la nave da un capo all'altro.

"So che è qui da qualche parte", disse mentre un cappotto da pirata rosso brillante passava. Seguirono cappelli e camicie pirata. "L'ho visto un po' di tempo fa." Pantaloni e cravatte passarono lentamente. "Dov'era?" Ci fu uno spazio vuoto nello stendino, e poi Marty vide quello che cercava. «Ah... ecco", affermò mentre il vestito di Largo arrivava.

Guybrush si aspettava una camicia. Ma no. Ciò che Marty sganciò dallo stendibiancheria e gli diede era un reggiseno bianco perla. Marty guardò Guybrush qualche secondo, poi tornò al suo banco di lavoro.

Guybrush, arrossendo un po', nascose velocemente quel reggiseno bianco abbagliante con il suo chiaro profumo Aprile-Fresh™ in tasca. Lentamente, però, il suo rossore venne sostituito da un sorriso quando si rese conto che ora aveva tutti i quattro ingredienti. Era il momento di visitare la signora voodoo.

Remare con la bara nell'oscura palude fu più faticoso rispetto alla prima volta, e Guybrush stava sudando un po' quando finalmente giunse dinanzi alla baracca e fu subito trasportato al suo interno. Scese in fretta, e andò in presenza della signora voodoo.

"Sei tornato, signor Threepwood?" chiese quando apparve. "Mi hai portato gli ingredienti?"

Guybrush infilò la mano nella giacca e tirò fuori il primo reperto. "Ho il suo parrucchino", disse, consegnando l'oggetto infetto alla signora voodoo.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 5 ott 2018, 23:28

MiW-Special-Box
Lei la prese e la rigirò tra le mani, guardandola criticamente. "Hmmm ... non è proprio una parte della sua testa. Ma probabilmente potrò recuperare alcuni frammenti di scalpo da essa." Prese una piccola borsa juju, e vi scosse il parrucchino sopra. Forfora e pidocchi vi caddero dentro. "Mi hai portato qualche altro ingrediente?"

Guybrush fece una smorfia di disgusto e prese il pezzo di carta. "Ho un po' del suo sputo," disse, ansioso di consegnare l'oggetto.

"Eccellente", disse la signora voodoo. Prese il foglio, un coltello e raschiò lo sputo dalla carta nel sacchetto. "Puoi tenere il giornale," disse, restituendolo. "Qualche altra cosa?"

"Ho questo reggiseno bianco perlato", disse Guybrush, brandendolo per il controllo.

La donna voodoo prese. "Sì, funzionerà", disse. Afferrò il reggiseno tenendolo stretto e ne tirò fuori un filo. Dalle sue mani lo lasciò cadere nel sacchetto juju. "Hai l'ingrediente finale?"

Guybrush le mostrò l'osso. "Ho l'osso del nonno."

"Perfetto", disse la signora voodoo con soddisfazione. Prese l'osso in una mano, un coltello nell'altra, e ne raschiò via un piccolo frammento. Anche questo finì nel sacchetto. "Finalmente!" urlò. "Ora posso fare una bambola voodoo da non sottovalutare! Una scaglia di forfora dalla testa di Largo! Un pezzo di tessuto di Largo! Una goccia di liquido dal suo corpo! Un singolo frammento dell'osso del morto!" Mise il tutto in un sacchetto e vi lasciò cadere dentro quello che sembrava del sale. "E, infine, alcune erbe voodoo varie e condimenti di stagione, tra cui il glutammato monosodico." Vennero versati diversi pizzichi di questi composti. "Questo dovrebbe andare bene," disse, sorridendo a Guybrush. Frugò con il sacchetto dietro la sedia, e ne tirò fuori un oggetto - una piccola bambola informe.

La signora voodoo mise tutto in una piccola borsa juju, poi la prese di scatto con entrambe le mani. La tenne davanti al petto e cominciò a scuoterla violentemente. "Due! Quattro! Sei! Otto!" gridò, e i suoi occhi emisero un lampo verde mentre lo faceva. "Chi dobbiamo ASSASSINARE!" Scosse la borsa ancora più forte. "Largo! Largo! Sì!"

La borsa scrosciava mentre lei la faceva penzolare sopra la sua testa, vicino al suo corpo, mentre continuava ad agitarla con decisione. Le vibrazioni andarono in un crescendo.

La borsa juju esplose. lampi di luce bianca abbaggliarono tutt'intorno, mostrando infine la piccola bambola stretta saldamente nella sua mano.

Anche a diversi metri di distanza, Guybrush poteva riconoscere la bambola. "Hey! Sembra proprio lui!" gridò.

La signora voodoo la porse a Guybrush, cosicché lui vide che insieme alla bambola teneva un oggetto appuntito in mano. Guybrush li prese entrambi. "Grazie, Signora Voodoo," disse infine con gratitudine.

"Un'altra cosa", disse prima che il nostro potesse andarsene. "Alcuni degli ingredienti non erano dei campioni ottimali. Dovrebbe funzionare, ma avrà una portata limitata. Dovrai essere vicino a Largo. Molto vicino."

Guybrush annuì e se ne andò.

Trascorse gran parte del viaggio di ritorno divertendosi a punzecchiare Largo. Probabilmente non aveva alcun effetto, ma anche un leggero fastidio sarebbe stato un piacere. La bambola aveva davvero una gran somiglianza - piccola, insignificante e brutta.

Guybrush attraversò il ponte, con passo veloce attraversò Woodtick, il Rot Inn e giunse alla porta della camera di Largo. Incrociò le dita e aprì la porta.

Largo era lì. "HEY!" gridò appena Guybrush entrò. "Che ci fai tu qui?"

Guybrush con calma tenne la bambola voodoo con la mano sinistra, e il lungo ago con la destra. Sollevò l'ago e lo calò con veemenza nella parte posteriore della bambola.

L'effetto sul Largo fu istantaneo. La sua schiena s'inarcò; i suoi occhi strabuzzarono fuori dalle orbite; la lingua involontariamente uscì dalla sua bocca. Urlò "YOW!"

Guybrush tirò fuori l'ago.

Largo lo fissò con gli occhi spalancati. Si stava massaggiando la schiena, ma il dolore era già andato.

"Prendi questo!" disse Guybrush rabbiosamente, "piccolo stupido rospo!"

"Che cosa?" ringhiò Largo. "Chi ti credi di essere?"

"Sono Guybrush Threepwood", disse Guybrush. "La gente non sempre mi riconosce - è per questo che porto sempre questa con me!" La sua mano destra teneva l'ago sospeso minacciosamente sopra la bambola. Guybrush sorrise a Largo.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 5 ott 2018, 23:28

MiW-Special-Box
Largo era un tipico bullo, con le sue abitudini. Di conseguenza, non era disposto a concedere Guybrush il sopravvento. "Ti strapperò le braccia!" ruggì. Si gettò su Guybrush.

Prima di aver attraversato metà della distanza che li separava, Guybrush infilzò di nuovo la bambola. Largo si fermò immediatamente, urlando per un dolore lancinante alla schiena. "Come fai a far questo?" chiese perplesso, strofinandosi il punto dolente.

Guybrush sfilò nuovamente l'ago e lo brandì minacciosamente. "Largo LaGrande", disse, "tu sei un buono a nulla, vizioso, e delinquente. Ti ordino di restituirmi i soldi e lasciare quest'isola!"

Largo aggrottò la fronte. "Ah! Ho già speso i tuoi soldi!"

«Oh» disse Guybrush. Per un momento aveva quasi perso il controllo della situazione, poi ritornò padrone delle sue azioni. "Beh, io ti ordino di lasciare quest'isola!"

"Se solo ci provi YOUCH! ACCK! OW!" Così, indignitosamente, Largo uscì dalla sua stanza, mentre veniva infilzato ripetutamente da Guybrush.

Guybrush mise via la bambola. "Così impari a scherzare con chi ha ucciso il pirata fantasma LeChuck!" gridò dopo che Largo era uscito.

Inaspettatamente, Largo ricomparve alla porta. Entrò lentamente. "Cos'hai detto?" chiese. "Hai ucciso LeChuck?"

"Si, l'ho fatto", disse Guybrush. "Una storia davvero interessante, in realtà ..."

Largo aggrottò le sopracciglia in segno di profonda riflessione. "La signora voodoo mi ha confidato che è stata lei", disse.

"È stata lei, vero?" domandò Guybrush. Lo infastidiva un po' che altre persone si prendessero il merito di aver ucciso LeChuck. Di conseguenza, fece il più grande errore della sua carriera di pirata.

Guybrush infilò la mano nella giacca e tirò fuori qualcosa dal colore nero lunga e guizzante. La mostrò a Largo, i cui occhi si spalancarono.

"È ciò che penso?..."

"Sì", disse Guybrush. "La barba di LeChuck. Ancora viva e guizzante." l'aveva trovata che correva come un topo muschiato rabbioso lungo il ponte del molo di Stan. Ancora adesso ondeggiava e si agitava mentre Guybrush la teneva.

"Fammi vedere", disse Largo. Rapidamente afferrò la barba e la fece scivolare giù nei pantaloni. I suoi occhi s'illuminarono. La sua bocca era spalancata. "Mio Dio, è viva!" rimase a bocca aperta. Aprì gli occhi ancora una volta, e ora mentre i due si fissavano, Guybrush vide un ritorno orribile della sua fiducia. "Abbiamo cercato per anni un pezzo vivente di LeChuck!" gridò Largo. "Ora siamo in grado di riportarlo in vita! Attento mondo! Il pirata più temibile di tutti i tempi presto solcherá di nuovo i tuoi mari!"

Largo fuggì dalla stanza prima che Guybrush avesse il tempo di recuperare la bambola.

..........

"Ho paura che sia vero, Guybrush,", disse la signora voodoo. Non era quello che Guybrush avrebbe voluto sentire. Sicuramente LeChuck non poteva tornare in vita. "Se hanno qualsiasi tessuto animato, possono rianimare tutto il suo corpo."

"Ma ho fatto esplodere il suo corpo in un bilione di pezzi!" disse Guybrush disperatamente.

"Non il suo corpo, Guybrush," lo corresse la signora voodoo. "Hai distrutto la sua forma spirituale. Il suo corpo è stato sepolto in un posto al sicuro, lontano".

"Ma ormai deve essere ..." Da quanto tempo è morto LeChuck? Un anno? Due anni?

"Marcio?" rispose la signora voodoo. "Parzialmente decomposto? Sì. E non credo che ciò renda più piacevole il doverlo affrontare."

"Verra a cercarmi!" si lagnò Guybrush.

"Sì."

"Vorrà trovarmi e uccidermi!!!"

"Senza dubbio."

Mille domande si affacciarono nella sua mente. "Che cosa posso fare? Dove posso nascondermi?"

"Non c'è nessun posto dove tu possa nasconderti", disse implacabilmente la signora voodoo.

"Mi puoi dare qualcosa che mi protegga?"

"La sua magia è forte quanto la mia", ammise la signora voodoo. "Niente di quello che potrei darti potrà proteggerti. Ma c'è una via d'uscita."

Le orecchie di Guybrush, già tese, si tesero ulteriormente. "Che cos'è?"

"Lo stai facendo in questo momento," suggerì la signora voodoo.

"Giocherellare con gli spiccioli in tasca?"

"La caccia di Big Whoop", disse la signora voodoo.

"Oh sì. Stavo facendo questo, vero?" Con tutto lo stress, Guybrush aveva completamente dimenticato la ricerca del tesoro.

"Big Whoop non è solo un tesoro", disse la signora voodoo. "È il segreto per un altro mondo. Trova quel mondo e sarai in grado di sfuggire LeChuck per sempre."

Avatar utente
Blackmonkey
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1807
Iscritto il: 10 ott 2011, 12:20

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Blackmonkey » 6 ott 2018, 0:00

Bentornato!

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 6 ott 2018, 10:34

grazie. Continuero' a tradurre, ma visti gli impegni non posso assicurare la velocita' ottimale

utdefault
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1440
Iscritto il: 19 gen 2014, 17:54

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da utdefault » 6 ott 2018, 10:56

Bentornato, turok!
E grazie per la continuazione della traduzione. ;> [...] per gli impegni... a chi lo dici? Ma si cerca sempre di razziare quel che si può. XD

Ciao.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 6 ott 2018, 14:39

Mi affido a Blackmonkey per l'ultimo controllo sulle traduzioni

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 6 ott 2018, 19:17

MiW-Special-Box
"Ma so così poco di Big Whoop", disse Guybrush con aria abbattuta. Ne sapeva un po' grazie Wally, e c'era la Biblioteca civica Phatt da controllare, ma anche questosarebbe potuto non non essere sufficiente. Dov'erano, per esempio, i quattro pezzi della mappa? E chi erano i quattro pirati?

Inaspettatamente, la signora voodoo parve avere un'altra idea. Prese un grosso libro che stava accanto al suo scranno, e lo diede a Guybrush. "Prendi questo libro", disse.

Guybrush ne lesse il titolo. "'Big Whoop: Vero tesoro o solo un mito?' Dove l'hai preso questo?"

"L'ho preso alla Biblioteca della città di Phatt", disse lady voodoo. "Ho sentito che ne avresti avuto bisogno." La questione di come si fosse recata alla libreria della città di Phatt rimase in sospeso.

"Oh, grazie", disse Guybrush con gratitudine, stringendo il libro.

"Ho usato il tuo nome quando l'ho ritirato, quindi ricordati di restituirlo quando lo hai finito di leggere", lo avvertì lady voodoo. "Le penalità della città di Phatt sono piuttosto alte."

"Accidenti ... grazie." Dopo aver dato il suo addio (e, eventualmente, il suo epitaffio), Guybrush prese congedo da lady voodoo e rimise a posto la polvere vulcanica presa dalla bara.

Una volta nuovamente al sicuro sulla terraferma, Guybrush si mise a pensare alle implicazioni delle parole della signora voodoo. Ora era indispensabile andar via dall'isola. Largo, dopo tutto, sapeva che lui era qui, e LeChuck lo avrebbe sapito presto.

Era stanco di quelle passeggiate di ritorno verso Woodtick. Guybrush si stava stufando di quei viaggi. Ma ciò gli avrebbe dato il tempo per pensare, e in poco tempo Guybrush aveva già in mente l'abbozzo di un piano.

Una volta raggiunto Woodtick, il nostro aveva in mente tutti i dettagli. Piano B, ottenere il denaro, il che era difficile quasi quanto il primo piano, vale a dire ottenere gli ingredienti.

Il primo passo del piano corrispondeva con l'andare allo Swamp Rot Inn. Nella hall, nella ciotola di cibo del vecchio Pegbiter, c'era qualcosa che Guybrush aveva visto ma a cui non aveva prestato molta attenzione in un primo momento - un mucchio di patatine al formaggio. Erano le sue preferite, ma Guybrush non le avrebbe mangiate, perché sarebbero necessarie nella seconda parte del piano.

La seconda fase del piano vedeva Guybrush dirigersi dai pirati che si esibivano. Non era interessato a loro - ciò che lo interessava era il loro topo. Allo stesso modo, Mad Marty in un angolo poteva anche essere ignorato. Ma l'autostima di Guybrush era forte una volta di ritorno a Woodtick, che era stato appena liberato. Tanto valeva informare la popolazione del suo ruolo nel contrastare la presenza di Largo, altrimenti gli abitanti avrebbero inventano storie intricate che non lo menzionavano affatto.

"Ho costretto Largo a lasciare quest'isola", disse a Marty.

"Hai fatto delle carte con la sabbia? Me ne dovrebbe importare?"

Guybrush abbandonò la conversazione e guardò a terra. Sicuramente, il topo era lì, correva intorno a mucchi di stracci.

Era il momento per la trappola.

C'era una scatola a terra, sotto i pirati che dormivano. Guybrush la aprì, e mise le patatine al formaggio al suo interno. Poi prese il bastoncino e vi appoggiò il coperchio aperto. Infine, legò la corda al bastoncino. Guybrush prese l'altra estremità della corda e si ritirò a diversi metri di distanza.

Il ratto corse vicino alla scatola, e vi si fermò. Sollevò il suo naso e annusò l'aria. Poi si lanciò al suo interno verso destra. Il nostro tirò la corda, e il coperchio della scatola si richiuse dietro il ratto. Guybrush, avvicinandosi, sentiva graffi ovattati e suoni cigolanti.

Capovolse la scatola su di un lato e ne aprì il coperchio. Non appena la voltò si accorse di essere stato inutilmente prudente; il topo soffriva ovviamente di agorafobia, perché si rannicchiò in un angolo, piagnucolando. Guybrush lo prese e lo accarezzò. Avere un topo vivo in realtà non era così diverso da come avere una barba fantasma.

Guybrush scese nuovamente dalla piattaforma fino alla parte superiore dello Swamp Rot Inn. Camminò lungo il ponte, all'altezza così della cucina, finché non fu più o meno sopra la finestra aperta. Rapidamente scavalcò il parapetto, scendendo fino al davanzale della finestra, e si arrampicò per entrare in cucina.

Il cuoco era ancora qui, energico e vivace come sempre. Anche se si fosse accorto della presenza di Guybrush, non ne sembrava particolarmente interessato. Ovviamente, era un tipo che si dedicava davvero alla sua cucina.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 7 ott 2018, 14:45

MiW-Special-Box
Guybrush sospirò. Era questo il momento in cui lui e il ratto avrebbero dovuto separarsi. Guardò la patata fredda e la zuppa di porri, che sembrava stesse venendo bene, poi vi lasciò cadere dentro il topo. L'animale lo guardò sbattendo le palpebre, poi cominciò felicemente a fare dei cerchi in quella mistura densa e viscida, dei movimenti che ricordavano il nuotare.

Guybrush fu lieto di vedere che al ratto piaceva la sua nuova casa. Era un bene che quella fosse una zuppa fredda. Tornò alla finestra, salì sul ponte, ed alcuni istanti dopo stava scendendo la scala principale del Bloody Lip.

Il barista, che stava ancora pulendo i piatti, lo guardò mentre si avvicinava, il nostro era ancora l'unico cliente abituale del luogo. Guybrush guardò il barista e pensò di poter attaccare discorso iniziando con qualche buona notizia. "Largo LaGrande ha lasciato l'Isola di Scabb per sempre!" disse felicemente.

Il barista apprese la notizia in modo strano. "Bene, bene," pensò, come se si fosse aspettato quell'avvenimento. "Credo che tutti questi lassativi che mettevo nei suoi drink finalmente abbiano fatto effetto".

"Che cosa?!?"

"Non ti preoccupare", aggiunse il barista. "Non li metto in tutte le bevande."

Guybrush sorrise. Questa sarebbe potuta essere l'ultima volta in cui lui fosse venuto qui al Bloody Lip. Con Largo ormai lontano, era giunto il momento di festeggiare. "Grog, per favore", disse al barista. "Shekerato non mescolato."

Il barista si mise a ridere. "Forse ti piacerebbe uno Shirley Temple?"

"Sono grande abbastanza!" protestò Guybrush. "Guarda la mia barba!"

"Ah! Questo è il trucco più vecchio del libro!" Il barista era davvero di buon umore, per dare delle cattive notizie a Guybrush, così gli fece un'offerta. "Facciamo così - ti posso servire un near-grog. Non contiene alcol, ma ha lo stesso brutto odore e quel gusto sgradevole, uguale a quella roba che bevono gli adulti.».

"Va bene!"

Il barista si batté la testa. "Oh, aspetta. Che cosa sto dicendo? Ho appena venduto l'ultimo a Kate. Mi dispiace."

"Maledizione!".

"Naturalmente, se avessi avuto un qualche documento ..."

Guybrush non aveva nessun documento. Aveva sempre trovato che fosse più semplice dire alla gente il suo nome.

"Chi è quella persona che hai menzionato, ... Kate?" chiese, un po' seccato con lei.

«Ah, il coraggioso capitano Kate Capsize", disse il barista con affetto. "Duro come l'acciaio, pungente come degli aghi. Affitta la sua nava, fa alcune escursioni di pirateria. La sua unica fedeltà è al miglior offerente. Non prenderla dal lato cattivo."

Guybrush annuì educatamente, e appoggiò le braccia sul bancone. "Ehm ... ah ... com'è lo spezzatino questa sera?" chiese, non riuscendo del tutto a sembrare disinteressato.

"Spezzatino?" chiese il barista incredulo, non perché avesse notato il finto inganno di Guybrush, ma per la terribili gaffe che aveva appena commesso. "Che spezzatino! Qui serviamo solo zuppa fredda fatta in casa. Il nostro nuovo cuoco ha lavorato tutto il giorno su una speciale vichyssoise. Lascia che vada a controllare come va."

Il barista spuntò da dietro il bancone, passò accanto a Guybrush ed entrò in cucina. E anche se Guybrush non vide niente di ciò che accadeva all'interno, il dialogo fu più che sufficientemente illustrativo.

In primo luogo, la voce del barista: "Come va la vichyssoise, Bernard"

Il cuoco, Bernard, rispose in modo amichevole. "Eccellente, signore. Vuole dargli un assaggio?"

"Penso che lo farò..."

Ci fu una violenta esplosione di patate e porri, e un rumore terribilmente forte.

"OH MIO DIO!!!" urlò il barista. "Che razza di ricetta stai usando?"

Guybrush ridacchiò. Le cose stavano andando bene.

"Sei licenziato!" gridò il barista.

"Ma signore!"

"Fuori! Fuori dalla mia vista!"

Il cuoco uscì fuori dalla porta della cucina, camminando velocemente e con un'espressione infastidita sul volto. Non diede alcun segno di aver riconosciuto Guybrush, anche se Guybrush ebbe un momento di preoccupazione.

Di nuovo in cucina, il barista era ancora sotto shock. "Questo è il più disgustoso, sudiciume che io abbia mai visto in vita mia!" esclamò così forte per Guybrush, e in effetti la maggior parte dei residenti di Woodtick, potessero sentirlo. "Guarda tutti i peli! E cos'è questa roba? Come potrò mai liberarmi di questa porcheria?"

C'era uno spazzare e raschiare, e il suono di liquidi. Poi il barista uscì, con una piccola ciotola bianca all'altezza del petto. La mise sul bancone. "Beh, ecco la tua zuppa," disse.

Guybrush non si prese nemmeno la briga di guardare in basso. "Uh, non ho più così tanta fame", disse.

"Accidenti", disse il cuoco, infastidito. Poi ebbe un'idea. "Ehi, sai cucinare?"

Questa era l'occasione che Guybrush stava cercando. Eppure, doveva essere prudente, o il barista avrebbe potuto sospettare qualcosa. "Un po'," ammise.

"Ti piacerebbe fare carriera nella cucina fast-food migliore del mondo?"

«Stai dicendo che c'è un posto di lavoro in cucina?"

"Sì. Ti interessa?"

Questa era la parte interessante. Il cartello fuori dall'ingresso diceva stipendio di una settimana anticipato. La domanda era, quanto era lo stipendio di una settimana?

Guybrush si grattò il mento. «Non lo so. Quant'è la paga?"

"Quattrocentoventi pezzi da otto a settimana", disse il barista. "E la prima settimana è pagata in anticipo."

"Certo, ci proverò."

Il barista sorrise radioso. "Grande! Il lavoro è tuo. Ecco la prima settimana di salario". Si chinò sotto il bancone, in un posto di cui Largo non sapeva nulla, e tirò fuori un sacchetto bianco. Lo porse a Guybrush, che lo trovò è piacevolmente pesante. "Ora indossa il grembiule, e mettiti al lavoro."

Una volta all'interno della cucina, Guybrush si avvicinò alla finestra, saltò fuori, e salì sul ponte. Sorrideva mentre tornava alla piattaforma principale. Molto presto, avrebbe avuto una nave tutta sua.

Bart e Fink avevano detto qualcosa a proposito di un capitano Dread sull'altro lato dell'isola, vale a dire l'angolo sud-occidentale. Guybrush cercò di trovare il posto.

Il suo viaggio lo portò dall'altra parte del fiume, costeggiando il fianco della montagna centrale, e al di là fino a quando l'isola si restringeva davanti a lui in una lunga, sottile lingua di terra.

A circa a metà strada verso il basso di questa zona peninsulare, che era un po' separata dal resto dell'isola di Scabb ed era più esposta ai venti occidentali, si imbatté in un cartello in legno appeso a un alto palo.

"Noleggio navi del capitano Dread", lesse Guybrush. "Venti pezzi da otto. Per informazioni rivolgersi all'interno." Qui, alla sua destra, una piattaforma di spesse travi conduceva ad un ammasso frastagliato di rocce. Ancorata, o affondata lì, c'era una piccola nave, che somigliava ad una casa galleggiante. Delle luci provenivano dal suo interno.

Guybrush s'incamminò lungo il molo. Il vento sarebbe potuto essere un problema ad altitudini più elevate, ma qui soffiava soltanto una brezza più calda. L'odore di sale, tuttavia, era tonificante come sempre.

Guybrush raggiunse l'ingresso della barca, ciò servì soltanto ad aumentare la sua confusione. L'ingresso sembrava essere stato costruito mediante un riassemblamento di rottami. Le grosse travi erano disposte casualmente. Vari oggetti erano sparsi sul pavimento. Una scialuppa di salvataggio era appesa al soffitto. Vari strumenti e carcasse marine erano appesi alle pareti, e, naturalmente, c'erano anche le botti e le scatole di cibo. Certamente era una nave ingombra.

Tra tutta questa confusione un uomo dalla pelle scura, con le spalle rivolte a Guybrush, era appoggiato sul timone e stava guardando verso il mare. Tutto ciò che Guybrush poteva capire dal punto in cui si trovava era che aveva una camicia bianca lacera, un grande cappello rosso, e dei boccoli neri ancora più grandi.

"Sei il Capitano Dread?" chiese Guybrush alla figura. Lui si girò e gli sorrise.

"Salve amico, si sono il Capitano Dread. Cosa posso fare per te?"

"L'abile Dread," si complimentò Guybrush. Gli piaceva soprattutto il suono che quelle parole facevano quando il Capitano Dread parlava con il suo tono Caraibo melodico.

"Grazie, amico," disse subito il Dread.

Guybrush guardò speranzoso il Capitano Dread. "Ho bisogno di noleggiare una nave."

Dread scosse la testa con rammarico. "Non posso noleggiarti la mia nave, perché un po' di tempo fa ho perso la mia collana porta fortuna da navigazione. L'ho chiamata 'l'occhio che ha visto il mondo'. Non posso navigare senza. Niente da fare, amico." Sospirò.

Guybrush era un po' perplesso riguardo alla superstizione. Non poteva prenderne un altro? "Dimmi di più della collana che hai perso", insistette.

Il Capitano Dread guardò verso l'orizzonte distante, menyre ricordava. "Accadde un po' di tempo fa. Il mio navigatore ed io abbiamo navigato verso quest'isola leggendaria. Quando siamo arrivati, siamo stati fatti prigionieri dai cannibali. Io sono riuscito a fuggire, amico, ma il mio navigatore non è stato così fortunato. Tutto ciò che ho trovato di lui è stato un bulbo oculare, e l'ho tenuto come portafortuna."

Giocherellone
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 951
Iscritto il: 15 nov 2010, 9:58

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Giocherellone » 9 ott 2018, 7:57

Ehilà Turok! :D

Che bellissima sorpresa il tuo ritorno! ^_^ :031:

Un BENTORNATO quindi anche da parte mia! :038:

:135:

Avatar utente
Blackmonkey
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1807
Iscritto il: 10 ott 2011, 12:20

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Blackmonkey » 9 ott 2018, 8:40

turok ha scritto:
6 ott 2018, 10:34
grazie. Continuero' a tradurre, ma visti gli impegni non posso assicurare la velocita' ottimale
Non preoccuparti. Purtroppo al momento non sono in grado di partecipare, causa altra revisione in corso (Sam e Max), ma una volta conclusa quella comincerò con questa.
Tu intanto vai avanti, io seguirò le tue orme™ ;D

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 12 ott 2018, 13:54

MiW-Special-Box
Guybrush trovò interessante la descrizione generale del navigatore. In particolare, gli sembrava fosse in qualche modo simile al cartografo dell'isola di Scabb, Wally. Wally usaca solo un occhio. E usava un monocolo. "Accidenti, penso che ho incontrato tuo amico", disse Guybrush.

"Improbabile", disse il Capitano Dread.

Guybrush si strinse nelle spalle. Era in un vicolo cieco e niente che avesse potuto fare avrebbe convinto il Capitano Dread. Era tempo di andare. "Devo correre, molti tesori aspettano di essere scoperti", disse Guybrush.

"OK, ciao amico. Torna a trovarmi."

Guybrush trascorso i successivi venti minuti camminando verso Woodtick e cercando Wally. Forse, il monocolo di Wally sarebbe stato adatto come portafortuna per il Capitano Dread. Forse, Wally ne aveva un altro di ricambio. Forse, avrebbe potuto prenderlo in prestito. Un'occasione difficile da sfruttare, ma fin'ora le cose gli erano andate bene.

Wally alzò gli occhi mentre lui entrava. "Ciao", lo salutò, prima di tornare alla sua mappa.

Guybrush si avvicinò, per essere visto meglio, e tossì. "Ciao Wally."

Wally lo guardò di nuovo, e questa volta sembrò riconoscerlo. "Oh, ciao signor Brush", disse Wally.

A questo punto c'era qualcun'altro di cui parlare. "Hey, sono stato io!," iniziò Guybrush con un tono orgoglioso. "Largo LaGrande ha lasciato l'isola per sempre!"

"Che bello", disse Wally, con noncuranza. "Ora credo di poter finire di tirare i mattoni sulla sua finestra." Perse così interesse per Guybrush e riprese nuovamente a concentrarsi sulla mappa; piegò la testa verso il basso, così in basso che sembrava potesse quasi baciarla.

Guybrush rimase in piedi, e attese, ma Wally non pensava più a lui. Guybrush pensò che, visto che non lo guardava, Wally si fosse dimenticato di lui. Era il momento di prendere il suo monocolo.

Guybrush stava per frugare dappertutto nella stanza di Wally, facendo anche rumore per disturbarlo, quando un'occasione si presentò improvvisamente. Wally alzò lo sguardo, l'occhio destro (quello con il monocolo) aveva degli spasmi dovuti ad un irritazione. Wally allungò la mano, socchiuse gli occhi, e il monocolo gli cadde nel palmo. Lo lasciò cadere sul tavolo, poi si strofinò gli occhi con le mani.

Cogliendo l'occasione, Guybrush prese il monocolo.

Una volta finito di stropicciarsi gli occhi, Wally cominciò a tastare il tavolo alla ricerca del monocolo. Non lo trovò. "Hey! Dov'è il mio monocolo?" si lamentò quasi in lacrime.

Guybrush si diresse silenziosamente ancora una volta verso la porta. Non temeva di essere scoperto, visto che ora Wally era quasi completamente cieco. Per un attimo si sentì un po' in colpa per aver ridotto un altro essere umano alla cecità, ma la il malumore passò e la luce della luna brillò ancora una volta.

Venti minuti più tardi, Guybrush si trovava nuovamente sulla casa del Capitano Dread. Mentre entrava, annunciò:"Sono di nuovo io".

"Lo vedo," rispose il capitano Dread. "Cosa posso fare per te questa volta, amico?"

Guybrush entrò nella nave, facendosi largo tra la spazzatura sul pavimento. Porse al Capitano Dread un piccolo oggetto luccicante attaccato ad un catenino metallico. "Che ne dici del mio monocolo?".

Il Capitano Dread lo prese con cura tra le dita, e improvvisamente si aprì sul suo volto un grande sorriso. "Grazie, amico! Questo starà bene nella mia collana porta fortuna."

Guybrush la pensava allo stesso modo.

"Cosa posso fare per te, amico?" chiese Dread, con il monocolo ancora le dita.

"Ho bisogno di noleggiare una nave", disse Guybrush.

"Sei fortunato, amico mio. Si dice che Largo sia stato cacciato dall'isola, così ora sono di nuovo libero di navigare. L'unico problema è," e qui guardò Guybrush con più attenzione, "che non sembri il tipo che ha venti pezzi da otto."

Guybrush si chiese in che modo il Capitano Dread poteva dedurre quelle informazioni semplicemente dal suo aspetto, ma la sua gioia di poter noleggiare una nave gli fece subito dimenticare il problema. "In realtà, ho quella cifra!" disse vivacemente.

"Bene, amico!" disse un altrettanto vivace Capitano Dread. "Considera la mia nave noleggiata!"

"Grande! Dov'è la tua nave?"

"Ci stai dentro, amico," dichiarò il Capitano Dread pazientemente.

"Yikes!"

PARTE 2: I quattro pezzi di mappa

Nel profondo dei Caraibi, nascosta da una tempesta senza fine, c'è la fortezza di LeChuck. Non è un luogo ospitale, ed è quasi inespugnabile. La fortezza è una costruzione imponente di acciaio e pietra, costruita su un isolotto roccioso reso quasi inaccessibile da feroci correnti sotterranee e forti onde. L'unico modo per accedervi è attraverso un paio di porte alte cinquanta piedi. Queste si aprono dall'interno, permettendo alle navi di attraccarvi dentro.

Per quanto riguarda la fortezza, questa occupa l'intera isola, piccola com'è. Sorge a molti piani di altezza, con rialzi in muratura, cornici e archi. Non ha finestre.

La fortezza di LeChuck ha moltissime stanze, tutte illuminate da tristi fiaccole dal colore arancio, camere per orribili idee e brutali torture. Molte sono separate dall'ingresso principale mediante un labirinto dalla complessità diabolica e con una stupefacente dimensione.

Una di queste stanze, forse la più grande di tutte, era in fase di preparazione per il ritorno di LeChuck. Il sommo sacerdote voodoo stava guardando il trono di LeChuck. Per un osservatore non preparato, è difficile capire cosa è più singolare - il sacerdote o il trono. Il sacerdote voodoo, da parte sua, indossava una lunga veste cerimoniale viola e una maschera facciale orrenda alta due piedi, da cui si allungavano altri due piedi di piume viola. Teneva un bastone da passeggio nella mano destra e qualcosa di nero e minaccioso in quella sinistra.

Il trono, d'altra parte, era almeno tre volte più alto del sacerdote voodoo. Era stato costruito su un grande scoglio di tre piedi d'altezza. LeChuck si sedeva qui ed era sminuito dal teschio che lo fissava dal suo trespolo sulla cima del trono. Era largo circa quattro piedi, ed era decorato con un copricapo cerimoniale come quello del sacerdote ma con un'estensione maggiore in larghezza. I bracci del trono erano due scheletri, accovacciati paurosamente con le mani in bocca, l'espressione sul viso di puro terrore. Questo non era il tipo di sedia in cui ci si sedeva durante una bella mano di backgammon. Questo era il tipo di sedia in cui era stata dichiarata la guerra, erano sorte diaboliche trame ed erano stati lanciati malocchi. Satana sarebbe felice se avesse una sedia simile.

Largo si stava avvicinando il sacerdote voodoo, e anche la roccia su cui era stato costruito il trono lo faceva sembrare più piccolo. "Allora," chiese, "quando abbiamo intenzione di riesumare quello sbruffone vecchio pazzo?"

Alle sue parole ci fu un movimento nell'ombra dietro il sacerdote voodoo. Fece il suo ingresso la figura del pirata fantasma LeChuck.

"Oops", disse Largo.

Si dovrà cercare difficile per i complimenti per dare questa figura. I vestiti - un lungo cappotto rosso sgualcito, dei pantaloni marroni e un cappello marrone a tre punte - erano marci e lacerati, ma avevano un aspetto migliore del corpo che ricoprivano, che era di un torbido verde scuro maculato e sgradevole. LeChuck si trascinò più vicino. Una zaffata del suo puzzo arrivò a Largo, che si ritrasse involontariamente. Il corpo era ancora un po' putrescente. Sembrava anche che i muscoli si fossero atrofizzati parecchio, a giudicare dalla camminata goffa e trasandata di LeChuck. Una cosa, però, non era cambiata affatto. LeChuck era ancora tanto grande e minaccioso come lo ricordava.

LeChuck si fermò e guardò Largo con i suoi occhi marroni fangosi. "ignorerò quel commento solo per questa volta, Largo," disse con una voce profonda, stridente e un po' gutturale, "solo perché mi hanno detto che hai trovato Guybrush Threekwood." La sua barba ondeggiava mentre parlava, e Largo pensò che fosse l'unica parte che sembrava veramente viva.

"È Threepwood, e l'ho trovato sull'isola di Scabb."

"Molto bene", disse LeChuck con un sorriso maligno. Un'altra cosa era cambiata dopo la sua risurrezione - anche la bocca sembrava non funzionare molto bene. Ogni volta che parlava, ciò causava una violenta torsione spastica della testa che faceva in modo che la saliva schizzasse dalla bocca. "Nessuno può prendersi gioco di LeChuck e passarla liscia. Voglio che mi portiate Guybrush, e lo voglio vivo. Mi affido a te." Qui si fermò e guardò Largo. Non c'era espressione del suo viso - non ne era necessaria nessuna. "Non fallire".

"Mai, signore del voodoo", disse Largo rispettosamente. Così se ne andò.

"Sì", disse LeChuck al sacerdote voodoo, "Guybrush Threepwood è finito. Ho bisogno che tu mi faccia una bambola voodoo molto speciale."

Il sacerdote voodoo parlò: aveva una voce maledettamente inquietante. "Con piacere."

Il sole stava sorgendo in una bella giornata.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 12 ott 2018, 13:55

MiW-Special-Box
Guybrush trovò interessante la descrizione generale del navigatore. In particolare, gli sembrava fosse in qualche modo simile al cartografo dell'isola di Scabb, Wally. Wally usaca solo un occhio. E usava un monocolo. "Accidenti, penso che ho incontrato tuo amico", disse Guybrush.

"Improbabile", disse il Capitano Dread.

Guybrush si strinse nelle spalle. Era in un vicolo cieco e niente che avesse potuto fare avrebbe convinto il Capitano Dread. Era tempo di andare. "Devo correre, molti tesori aspettano di essere scoperti", disse Guybrush.

"OK, ciao amico. Torna a trovarmi."

Guybrush trascorso i successivi venti minuti camminando verso Woodtick e cercando Wally. Forse, il monocolo di Wally sarebbe stato adatto come portafortuna per il Capitano Dread. Forse, Wally ne aveva un altro di ricambio. Forse, avrebbe potuto prenderlo in prestito. Un'occasione difficile da sfruttare, ma fin'ora le cose gli erano andate bene.

Wally alzò gli occhi mentre lui entrava. "Ciao", lo salutò, prima di tornare alla sua mappa.

Guybrush si avvicinò, per essere visto meglio, e tossì. "Ciao Wally."

Wally lo guardò di nuovo, e questa volta sembrò riconoscerlo. "Oh, ciao signor Brush", disse Wally.

A questo punto c'era qualcun'altro di cui parlare. "Hey, sono stato io!," iniziò Guybrush con un tono orgoglioso. "Largo LaGrande ha lasciato l'isola per sempre!"

"Che bello", disse Wally, con noncuranza. "Ora credo di poter finire di tirare i mattoni sulla sua finestra." Perse così interesse per Guybrush e riprese nuovamente a concentrarsi sulla mappa; piegò la testa verso il basso, così in basso che sembrava potesse quasi baciarla.

Guybrush rimase in piedi, e attese, ma Wally non pensava più a lui. Guybrush pensò che, visto che non lo guardava, Wally si fosse dimenticato di lui. Era il momento di prendere il suo monocolo.

Guybrush stava per frugare dappertutto nella stanza di Wally, facendo anche rumore per disturbarlo, quando un'occasione si presentò improvvisamente. Wally alzò lo sguardo, l'occhio destro (quello con il monocolo) aveva degli spasmi dovuti ad un irritazione. Wally allungò la mano, socchiuse gli occhi, e il monocolo gli cadde nel palmo. Lo lasciò cadere sul tavolo, poi si strofinò gli occhi con le mani.

Cogliendo l'occasione, Guybrush prese il monocolo.

Una volta finito di stropicciarsi gli occhi, Wally cominciò a tastare il tavolo alla ricerca del monocolo. Non lo trovò. "Hey! Dov'è il mio monocolo?" si lamentò quasi in lacrime.

Guybrush si diresse silenziosamente ancora una volta verso la porta. Non temeva di essere scoperto, visto che ora Wally era quasi completamente cieco. Per un attimo si sentì un po' in colpa per aver ridotto un altro essere umano alla cecità, ma la il malumore passò e la luce della luna brillò ancora una volta.

Venti minuti più tardi, Guybrush si trovava nuovamente sulla casa del Capitano Dread. Mentre entrava, annunciò:"Sono di nuovo io".

"Lo vedo," rispose il capitano Dread. "Cosa posso fare per te questa volta, amico?"

Guybrush entrò nella nave, facendosi largo tra la spazzatura sul pavimento. Porse al Capitano Dread un piccolo oggetto luccicante attaccato ad un catenino metallico. "Che ne dici del mio monocolo?".

Il Capitano Dread lo prese con cura tra le dita, e improvvisamente si aprì sul suo volto un grande sorriso. "Grazie, amico! Questo starà bene nella mia collana porta fortuna."

Guybrush la pensava allo stesso modo.

"Cosa posso fare per te, amico?" chiese Dread, con il monocolo ancora le dita.

"Ho bisogno di noleggiare una nave", disse Guybrush.

"Sei fortunato, amico mio. Si dice che Largo sia stato cacciato dall'isola, così ora sono di nuovo libero di navigare. L'unico problema è," e qui guardò Guybrush con più attenzione, "che non sembri il tipo che ha venti pezzi da otto."

Guybrush si chiese in che modo il Capitano Dread poteva dedurre quelle informazioni semplicemente dal suo aspetto, ma la sua gioia di poter noleggiare una nave gli fece subito dimenticare il problema. "In realtà, ho quella cifra!" disse vivacemente.

"Bene, amico!" disse un altrettanto vivace Capitano Dread. "Considera la mia nave noleggiata!"

"Grande! Dov'è la tua nave?"

"Ci stai dentro, amico," dichiarò il Capitano Dread pazientemente.

"Yikes!"

PARTE 2: I quattro pezzi di mappa

Nel profondo dei Caraibi, nascosta da una tempesta senza fine, c'è la fortezza di LeChuck. Non è un luogo ospitale, ed è quasi inespugnabile. La fortezza è una costruzione imponente di acciaio e pietra, costruita su un isolotto roccioso reso quasi inaccessibile da feroci correnti sotterranee e forti onde. L'unico modo per accedervi è attraverso un paio di porte alte cinquanta piedi. Queste si aprono dall'interno, permettendo alle navi di attraccarvi dentro.

Per quanto riguarda la fortezza, questa occupa l'intera isola, piccola com'è. Sorge a molti piani di altezza, con rialzi in muratura, cornici e archi. Non ha finestre.

La fortezza di LeChuck ha moltissime stanze, tutte illuminate da tristi fiaccole dal colore arancio, camere per orribili idee e brutali torture. Molte sono separate dall'ingresso principale mediante un labirinto dalla complessità diabolica e con una stupefacente dimensione.

Una di queste stanze, forse la più grande di tutte, era in fase di preparazione per il ritorno di LeChuck. Il sommo sacerdote voodoo stava guardando il trono di LeChuck. Per un osservatore non preparato, è difficile capire cosa è più singolare - il sacerdote o il trono. Il sacerdote voodoo, da parte sua, indossava una lunga veste cerimoniale viola e una maschera facciale orrenda alta due piedi, da cui si allungavano altri due piedi di piume viola. Teneva un bastone da passeggio nella mano destra e qualcosa di nero e minaccioso in quella sinistra.

Il trono, d'altra parte, era almeno tre volte più alto del sacerdote voodoo. Era stato costruito su un grande scoglio di tre piedi d'altezza. LeChuck si sedeva qui ed era sminuito dal teschio che lo fissava dal suo trespolo sulla cima del trono. Era largo circa quattro piedi, ed era decorato con un copricapo cerimoniale come quello del sacerdote ma con un'estensione maggiore in larghezza. I bracci del trono erano due scheletri, accovacciati paurosamente con le mani in bocca, l'espressione sul viso di puro terrore. Questo non era il tipo di sedia in cui ci si sedeva durante una bella mano di backgammon. Questo era il tipo di sedia in cui era stata dichiarata la guerra, erano sorte diaboliche trame ed erano stati lanciati malocchi. Satana sarebbe felice se avesse una sedia simile.

Largo si stava avvicinando il sacerdote voodoo, e anche la roccia su cui era stato costruito il trono lo faceva sembrare più piccolo. "Allora," chiese, "quando abbiamo intenzione di riesumare quello sbruffone vecchio pazzo?"

Alle sue parole ci fu un movimento nell'ombra dietro il sacerdote voodoo. Fece il suo ingresso la figura del pirata fantasma LeChuck.

"Oops", disse Largo.

Si dovrà cercare difficile per i complimenti per dare questa figura. I vestiti - un lungo cappotto rosso sgualcito, dei pantaloni marroni e un cappello marrone a tre punte - erano marci e lacerati, ma avevano un aspetto migliore del corpo che ricoprivano, che era di un torbido verde scuro maculato e sgradevole. LeChuck si trascinò più vicino. Una zaffata del suo puzzo arrivò a Largo, che si ritrasse involontariamente. Il corpo era ancora un po' putrescente. Sembrava anche che i muscoli si fossero atrofizzati parecchio, a giudicare dalla camminata goffa e trasandata di LeChuck. Una cosa, però, non era cambiata affatto. LeChuck era ancora tanto grande e minaccioso come lo ricordava.

LeChuck si fermò e guardò Largo con i suoi occhi marroni fangosi. "ignorerò quel commento solo per questa volta, Largo," disse con una voce profonda, stridente e un po' gutturale, "solo perché mi hanno detto che hai trovato Guybrush Threekwood." La sua barba ondeggiava mentre parlava, e Largo pensò che fosse l'unica parte che sembrava veramente viva.

"È Threepwood, e l'ho trovato sull'isola di Scabb."

"Molto bene", disse LeChuck con un sorriso maligno. Un'altra cosa era cambiata dopo la sua risurrezione - anche la bocca sembrava non funzionare molto bene. Ogni volta che parlava, ciò causava una violenta torsione spastica della testa che faceva in modo che la saliva schizzasse dalla bocca. "Nessuno può prendersi gioco di LeChuck e passarla liscia. Voglio che mi portiate Guybrush, e lo voglio vivo. Mi affido a te." Qui si fermò e guardò Largo. Non c'era espressione del suo viso - non ne era necessaria nessuna. "Non fallire".

"Mai, signore del voodoo", disse Largo rispettosamente. Così se ne andò.

"Sì", disse LeChuck al sacerdote voodoo, "Guybrush Threepwood è finito. Ho bisogno che tu mi faccia una bambola voodoo molto speciale."

Il sacerdote voodoo parlò: aveva una voce maledettamente inquietante. "Con piacere."

Il sole stava sorgendo in una bella giornata.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 18 ott 2018, 14:02

MiW-Special-Box
Guybrush si trovava sul ponte principale della nave del Capitano Dread, guardando fuori bordo il mare calmo. Si era già abituato al beccheggiare della nave. Era eccitatissimo per la ricerca di Big Whoop, e si sentiva bene.

Andò in cabina centrale, dove il Capitano Dread era al timone e in uno stato d'animo simile al suo. "Benvenuto al Jolly Rasta!" lo salutò.

Il Jolly Rasta era disordinato come sempre, ma il sole del mattino aveva un effetto clemente e dava all'ambiente un aspetto allegro con colori dorati.

"Allora, dove vuoi andare?" chiese il capitano Dread.

Guybrush non era sicuro. "Non ne sono sicuro", disse, "Quali sono le mie scelte?"

"Io so solo come raggiungere tre isole, amico", disse Dread.

"Quali sono?"

"Ecco, da dove siamo appena salpati, l'isola di Scabb. L'unica isola dove i pirati sono liberi di essere pirati. Poi c'è l'isola di Booty. Un'isola festosa, l'isola del Martedì Grasso, l'isola della festa-tutto-il-tempo".

A Guybrush piaceva il nome dell'isola di Booty. Ma fu colto completamente alla sprovvista dalla frase successiva del capitano Dread.

"È gestita da uno dei più rispettati e amati governatori conosciuti - il governatore Elaine Marley."

"Elaine?" disse Guybrush, con voce sorpresa.

Il Capitano Dread continuò a prescindere dalle parole del nostro. "E per ultima, c'è l'isola di Phatt. Un'isola dittatoriale e fascista, gestita da un maiale estremamente borioso chiamato Governatore Phatt." Mise le mani nelle sue tasche, e tirò fuori un pezzo di carta piegato e sbrindellato. Lo porse a Guybrush. "Ecco, prendi questa mappa di riferimento, per gentile concessione del Dread Tours. La puoi usare per mostrarmi dove vuoi andare."

Guybrush aprì la mappa e la guardò. Come il capitano Dread aveva lasciato intendere, c'erano solo tre isole. Lo spazio tra di essere era pieno di illustrazioni a portata di sirene, serpenti di mare, dugonghi e bussole. E, ovviamente, c'era una griglia delle coordinate sugli angoli.

Guybrush prese una rapida decisione. L'isola di Booty gli suonava bene, ma aveva del lavoro da fare alla biblioteca della città di Phatt. Big Whoop, dopo tutto, veniva prima.

"Phatt Island," disse a Dtead.

Dread annuì. "OK, amico". Prese il controllo del timone e lo ruotò delicatamente a dritta.

Guybrush tornò alla luce del sole e si sedette. Delle nuvole stavano iniziando a raccogliersi in cielo, come delle piccole macchie soffici di marshmallow.

Elaine. Ci fu una ridda di emozioni connesse con quel nome. Guybrush era stato così sicuro che lei fosse quella giusta. Ma non era andata bene. La cosa che faceva più male era stato il modo in cui lei era andata via, senza un'ultima parola, senza un arrivederci.

Almeno, questo era ciò che lo aveva ferito in un primo momento. Ma ciò che aveva più sorpreso Guybrush era stato il modo in cui, nei mesi successivi, la sua vita si fosse stabilizzata nuovamente e lui fosse tornato su alla normalità. Era stato bene per molto tempo senza di lei.

Aveva davvero bisogno di lei? Quanto ci teneva?

Guybrush sospettava che presto avrebbe potuto scoprire le risposte a queste domande.

Ma era un lungo viaggio e non poteva passare tutto il tempo con questo pensiero nella mente, così Guybrush prese il grosso libro rosso che la signora voodoo gli aveva dato e iniziò a leggerlo.

Big Whoop: Vero tesoro o solo un mito? si rivelò una lettura affascinante. Secondo l'autore, c'erano stati quattro pirati: Rapp Scallion (il cuoco), il Giovane Lindy (il mozzo), il Signor Rogers (il primo ufficiale), e il capitano Marley. Questo cognome portò Guybrush a sollevare lo sguardo pendieroso, chiedendosi se ci fosse qualche relazione.

Questi quattro pirati avevano sepolto il loro tesoro in mezzo ad un mucchio di - Guybrush inghiottì nervosamente - trappole esplosive, in un luogo che si riteneva essere isola di Inky.

Guybrush alzò nuovamente gli occhi dal testo. Secondo Wally, quell'isola non esisteva. Dopo un momento di pausa riprese a leggere.

Scoprì che i quattro avevano disegnano una mappa che avevano diviso in quattro parti, prendendone, ogni pirata, una parte. Rapp Scallion successivamente aveva aperto lo Steamin' Weenie hut sull'isola di Scabb. Fu un enorme successo, ma cadde in rovina dopo che Rapp rimase ucciso in un improvviso incendio.

Il Giovane Lindy viaggiò senza meta e fu molto sfortunato fino a quando divenne misteriosamente ricco, mentre faceva l'elemosina sull'isola di Booty. A quel punto usò il denaro per finanziare una società di pubblicità, la Gangrene 'n' Honey, che è fallita dopo una cattiva gestione dei guadagni.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 21 ott 2018, 15:27

MiW-Special-Box
Il Signor Rogers si era ritirato nella zona costiera dell'isola di Phatt. Intraprese un business nel commercio del grog fatto in casa prodotto in una vasca da bagno, fino alla sua recente scomparsa.

Il Capitano Marley era scomparso durante la navigazione nella gara di Coppa America. La sua barca era in testa in quel momento.

Qui il racconto terminava. Non era approfondito come Guybrush aveva sperato. Per quanto ne sapeva, la mappa del capitano Marley era andata a fondo con la nave, la mappa di Rapp Scallion era bruciata nel suo takeaway, il Signor Rogers aveva la mappa con lui durante la scomparsa, e il Giovane Lindy aveva venduto tutto per pagare i suoi debiti. Comunque, era sempre un inizio. Un pezzo della mappa doveva essere su ciascuna delle tre isole che il Capitano Dread avrebbe potuto raggiungere, e c'era sempre Elaine Marley come vantaggio sul quarto.

Guybrush chiuse il libro. Sarebbe potuto essere difficile, ma il suo cammino era stato deciso. La caccia era cominciata.

L'isola di Phatt era rinomata come un'isola piuttosto tranquilla. Il suo famoso lungomare, per esempio, costruito intorno ad una baia e il suo porto riparato, somigliavano proprio alla parte meridionale della Francia, gli edifici arrivavano quasi fino al mare. Ma il tempo era trascorso anche qui. I festaioli si erano trasferiti (alcuni nella vicina isola di Booty).

L'isola di Phatt non era non più un'isola divertente. La legge era opprimente. Il sovrano (il legislatore) era grasso. E sembrava che nessuno si rivolgesse più a lui.

In ogni modo, il Capitano Dread riuscì a trovare una posizione di attracco per il Jolly Rasta, e qualche momento dopo Guybrush uscì sul molo in legno e iniziò ad incamminarsi facendo qualche passo.

Quei passi lo portarono ad un incrocio di fronte af un muro. C'era un uomo imponente, più alto di Guybrush di due piedi circa, e stava guardando il muro. Guybrush guardò l'uomo per un attimo. Indossava un enorme casco dorato, aveva una sorta di sciabola nella mano sinistra, un pronunciato paio di baffi e una camicia rossa pacchiana. Ovviamente era una guardia.

Guybrush si strinse nelle spalle, e guardò l'oggetto di attenzione della guardia. Era un poster. Il manifesto riportava scritta in grandi lettere rosse la parola RICERCATO nella parte superiore della pagina, sotto di essa c'era una foto di Guybrush, sottostante la foto, a lettere di colore nero, c'era scritto GUYBRUSH. L'immagine non era perfetta - non aveva la barba e qualcuno aveva disegnato dei baffi neri - ma era sufficiente per dare un'idea circa il suo aspetto.

Guybrush si rese conto che la guardia lo stava fissando con sospetto. "Mi scusi, signore», disse la guardia con voce forte e tonante.

"Sì?" domandò Guybrush, facendo in modo da sembrare innocente.

"Non è mica Guybrush Threepwood?" chiese la guardia.

Guybrush si strofinò la barba con un movimento troppo vistoso. "No, il mio nome è Smith. Devi avermi confuso con qualcun altro."

"Smith, eh?" disse la guardia. "Questo è un nome insolito. Forse avete un documento di identità?"

Guybrush ebbe un lampo di genio. "La carta di identità è sulla mia nave. Aspetta qui, mentre io vado a prenderla."

Fece due passi prima che la guardia esclamò. "Bel tentativo, Guybrush."

Guybrush si bloccò, e si voltò. La guardia aveva capito tutto. «È meglio che vieni con me", disse. "Il Governatore Phatt vorrebbe parlarti."

"Sono davvero molto occupato", disse Guybrush scusandosi. "Possiamo farlo un'altra volta?"

La guardia, a titolo di risposta, prese una grande pistola dalla tasca destra.

"Arrivo!" disse improvvisamente Guybrush. Così si lasciò portare via.

Fu condotto alla villa del governatore.

Pochissime persone vanno a visitare la villa del Governatore sull'isola di Phatt. Ciò, in parte è dovuto al fatto che è una gran bella villa, e il governatore non vuole che la gente venga a vederla, perché, vista la fastosa ed eccessiva ricchezza della struttura, il popolo potrebbe diventare irascibile e scontroso, di modo che potrebbero sorgere violenze o si potrebbe ribellare.

L'unico modo per vedere il palazzo, in primo luogo è quello di essere accettato all'ingresso. Una volta che ci si trova nel versante interno della recinzione, però, la vista è quella di un immagine perfetta. C'è il palazzo stesso, costruito su una piccola collina, con pareti bianche, gli archi e le finestre a grata, una costruzione che ricorda le isole greche. Ci sono i giardini circostanti, e un prato perfettamente tosato di un verde brillante. Sullo sfondo c'è una vista mozzafiato di sabbia gialla, le creste delle onde si frangono dolcemente sulla spiaggia, gruppi di palme e verdi colline in lontananza.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 173
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 24 ott 2018, 18:31

MiW-Special-Box
L'interno, purtroppo, era meno stimolante. Monotoni dipinti, tappeti sul pavimento, e uno strano odore di muffa nell'aria. Guybrush fu condotto attraverso l'ingresso, su per le scale, fin nella camera da letto del governatore Phatt.

Il suo primo pensiero fu che il suo era un nome davvero appropriato.

Il Governatore Phatt non era seduto a un tavolino in attesa del loro ingresso - di contro, era a letto sotto una grande trapunta. Il letto, un letto a baldacchino con delle tende rosse, per quattro persone, era quasi tutto occupato dal suo addome enorme e tondeggiante, da cui sbucavano le sue gambe e i suoi piedi che andavano verso l'alto.

Guybrush fu accompagnato in prossimità della testa del Governatore di Phatt, dopo aver girato intorno al letto, quello era l'unico punto da cui poter avere una conversazione con lui. La dimensione della testa era proporzionata alle dimensioni del corpo. Il Governatore Phatt non aveva un vero e proprio doppio mento ma una massa di grasso amorfo che ricopriva completamente tutti i tratti anatomici che somigliavano ad un mento. Le mosche gli ronzavano intorno alla bocca, che strabordava di cibo.

La guardia stava vigile alla porta.

C'era un solo libro sul copriletto - Citazioni famose dei pirati. C'era anche una strana apparecchiatura nella camera del Governatore Phatt - tre tubi metallici, che terminavano con degli ugelli stretti fino sua bocca.

Il Governatore Phatt finalmente parlò, fissando i suoi piccoli occhi luccicanti su Guybrush.

"Bene, signor--"

Quello fu tutto ciò che disse prima che ci fosse un forte ronzio nelle vicinanze. «Oh, mi scusi," disse il Governatore Phatt, prima di girare la bocca con impazienza verso gli ugelli. Dagli ugelli venne emesso un flusso di cibo - verde da uno di essi, beige da un'altro, marrone dall'ultimo. Quella brodaglia arrivò dritta nella sua bocca, qualche goccia andò fuori ma la maggior parte venne avidamente ingurgitata, arrivando all'esofago.

Il flusso terminò. Il Governatore Phatt asciugò la bocca sul suo braccio e guardò di nuovo Guybrush. Emise un enorme rutto, e sorrise. "Beh, signor Threepwood," disse, ricominciando, "Non posso dirvi quanto sono felice di averti come mio ospite."

Ospite? Guybrush non era sicuro che gli importasse tanto riguardo al suo metodo di invito.

"Oh, perché?"

"Ho pensato che potremmo parlare di un paio di cose", disse il Governatore.

«Grazie», disse Guybrush educatamente, pur essendo in grado di capire il motivo per cui il governatore avesse bisogno di ricorrere alla forza per convincere la gente a parlare con lui. Pensò ad un modo per rompere il ghiaccio. "La sua casa è molto bella."

Il complimento piacque al Governatore Phatt. " signor Threepwood, lei ha buongusto per le cose belle della vita," disse sorridendo. "Ammetto che i miei gusti sono costosi."

Guybrush non poteva resistere. "Più lusso c'è, più viene apprezzata." Dopo aver detto quell'insulto mascherato, si chiese: come può permettersi questo? L'isola di Phatt non sembra così ricca.

Il sorriso dal volto del Governatore scomparve. "Io non sono un uomo paziente, signor Threepwood. Sì, mi sono permesso alcune transazioni finanziarie azzardate. Ma ho appena fatto un affare che terrà gli esattori lontani per un lungo periodo di tempo."

"Vendere i tuoi vecchi vestiti per fare tendoni da circo?" disse Guybrush sarcastico. "Sciogliere le posate d'argento per costruire un oleodotto? Noleggiare te stesso ai capitani delle navi come zavorra? Vendere il vostro stomaco per concedere degli spazi pubblicitari? Cosa?"

Gli occhi di Governatore Phatt si ridussero ulteriormente. "Venderò qualcosa di cui sarò felice di sbarazzarmi. Ti sto vendendo, signor Threepwood. Ti venderò al pirata fantasma LeChuck."

"LeChuck è morto", disse Guybrush. "L'ho ucciso io. Dimmi, non vuoi sentire la storia di come l'ho fatto esplodere?"

Il governatore non era turbato. "Forse non lo hai ucciso così tanto come immagini. L'ultima volta che l'ho visto sembrava stare molto bene."

Le parole diedero un brivido freddo nel cuore di Guybrush, anche se l'allarme lanciato per il prossimo pasto del Governatore Phatt. "L'ultima volta che lo hai visto?" fece eco. «Oh, no! Il ritorno di LeChuck!"

Il governatore si asciugò la bocca. "Chiedo scusa, che cosa hai detto?"

"Lui non mi spaventa", disse Guybrush con coraggio, anche se insincero. "Dimmi solo dove posso trovarlo."

"Io invece credo che ti troverà lui, signor Threepwood," sostenne il Governatore Phatt. "Vedi, ha messo una considerevole taglia sulla tua testa."

"Oh?"

"Una taglia che intendo incassare."

"Oh." Una conversazione davvero piacevole, pensò Guybrush. "Scommetto che ti piacerebbe moltissimo comprare un sacco di grasso puro e lardo, eh?" aggiunse come insulto di commiato.

Rispondi