[Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Qui sono raccolti i topic sulle traduzioni effettuate dagli utenti di questa community. Questa area permetterà ai nostri traduttori di effettuare tutte le manovre necessarie per lavorare. Le traduzioni terminate saranno spostate in Traduzioni Completate

Moderatore: Bucanieri Dei Caraibi

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 13 lug 2016, 17:12

MiW-Special-Box
"Oh, la prenderò io!", disse Guybrush fiducioso. Si avvicinò, causando le urla e la fuga delle scimmie. Scomparvero così nella sacrestia.

Il prete si mise le mani davanti agli occhi. Sperava che lo Scumm bar fosse ancora aperto, perché aveva bisogno di un drink.

"...oops...", disse Guybrush.

"Bravo, Guybrush.", disse Elaine sarcastica. "Adesso li devo inseguire per riavere la mia birra alla radice voodoo". Seguì gli scimpanzè fuori dalla chiesa.

"...ma..." gridò un Guybrush preso in contropiede dietro di lei. Il salvataggio non stava andando come aveva sperato. "...io....ehm...ehi..."

LeChuck, ora che Elaine era andata, si rivolse a Guybrush, e la luce di rabbia nei suoi occhi era terribile da vedere. "Hai osato venire qui per sfidarmi!" ruggì. "Non credo alla tua audacia!"

"Beh, non credo alla tua stupidità!" disse, di rimando, Guybrush a cui gli insulti erano diventati la principale modalità di conversazione. "Ho dovuto impedirti di sposare il Governatore."

"Lo sposerò ancora!" disse LeChuck ferocemente. "Come pensi di fermarmi?"

"Ti inzupperò con la mia bottiglia di seltz appiccicoso", disse Guybrush. Forse questo soccorso avrebbe potuto funzionare, dopo tutto. Tirò fuori la bottiglia e cominciò a scuoterla. "Non sarete più così minacciosi, tangibili pirati, tu fluttuante sacco di... di... di qualcosa che inizia con la 'b'!"

Guardando direttamente nel contenuto velenoso della bottiglia, LeChuck cominciò a perdere un pò della sua calma. "Uhh..." iniziò con un tono di voce più ragionevole, "aspetta un minuto, amico - Stavo solo scherzando, possiamo risolvere tutto da gentiluomini..." Si interruppe, rendendosi conto che Guybrush aveva problemi con la bottiglia.

xxxxxxxxxx

Guybrush provò e riprovò, ma quella dannata cosa semplicemente non spruzzava. "Oh no," sbottò disperatamente, "è inceppata!"

Ci fu una pausa, in cui LeChuck assorbì mentalmente questo nuovo frammento di informazione, e Guybrush ebbe il tempo di comprendere l'incredibile stupidità nell'espressione di quell'ultima frase.

Il pugno sinistro di LeChuck cominciò a ruotare. Adesso fu la volta di Guybrush di essere ragionevole - "Ehm...dimmi, adesso...", iniziò lentamente, un pò scoraggiato dal momento angolare in costante aumento della mano di LeChuck, ora girava ad una velocità incredibile. In accordo con la teoria della relatività generale di Einstein, sembrava che stesse guadagnando massa mentre accelerava.

Guybrush ingerì. "...non precipitiamo le cose..." fu tutto quello che ebbe il tempo di dire prima che il pugno, ora completamente un vortice circolare, lo colpisse sulla punta del mento. Da una posizione eretta Guybrush venne scagliato verso l'alto con la velocità del razzo, attraverso il tetto della chiesa. Piovvero polvere e legname spezzato.

LeChuck balzò e, grazie al fatto di essere un fantasma senza peso, seguì Guybrush nel cielo notturno.

Il prete guardò il buco nel tetto, poi iniziò a percorrere tutto il corridoio verso lo Scumm bar. Avrebbe avuto bisogno di molto più di un drink quella sera.

Guybrush volava. Sopra la montagna, dove la guardia guardava, del tutto miope, le navi. Sopra le nuvole e nella parte dell'atmosfera dove l'aria diveniva fredda e rsrefatta. Per fortuna, non ci stette molto tempo, perché presto si ritrovò in caduta verso terra con una velocità sempre maggiore.

Dietro di lui LeChuck, planando senza paura attraverso la brezza notturna, era spinto da forze infernali che contrastavano la gravità.

In prossimità della casa del Maestro di Spade, Guybrush colpì i rami più alti di un alto albero di pino. Colpì i rami al di sotto di questi, e i rami ancora sotto, tagliando in modo molto preciso un lato dell'albero.

L'impatto con i rami lo rallentò giusto in modo che non morisse o perdesse conoscenza quando cadde in una fitta macchia di felci. Guybrush cercò di rimettersi in piedi. Guardò verso l'alto.

Sopra di lui vide LeChuck che scendeva dall'alto, con le braccia tese, come l'insorgenza di un destino azzurro. LeChuck gli atterrò accanto e immediatamente iniziò a ruotare il pugno ancora una volta. Guybrush cercò di allontanarsi, ma non riusciva nemmeno ad alzarsi correttamente.

Guybrush venne colpito una seconda volta, questa volta con più velocità laterale, diventando un arco azzurro ghiaccio dalla forma di un onda sinusoidale attraverso le dimensioni oscure. Dietro di lu, sulla sua traiettoria curva, c'era LeChuck, che ringhiava ferocemente.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 14 lug 2016, 15:03

MiW-Special-Box
Guybrush guardò follemente verso il basso e vide che stava attraversando dell'acqua. Più avanti, la costa si avvicinava. Come un missile guidato, si stava dirigendo verso l'unico segno di abitazione in quella zona - delle luci brillanti erano disposte intorno a una piazza di calcestruzzo e un molo.

Comprendendo la sua destinazione, Guybrush iniziò ad urlare.

Mentre Stan, faceva il punto della sua scorta, guardò improvvisamente verso l'alto e vide un oggetto bianco e rosa che gridava, il quale sfrecciava verso la sua area di vendita. Con un urlo finale, atterrò infrangendosi nella Macchina del Grog. Alcune monete e una bottiglia di birra di radice vennero fuori dallo slot.

Stan si avvicinò alla Macchina del Grog. "Bello rivederti, ragazzo mio!" disse al rannicchiato Guybrush, ancora intrappolato nella scatola rosss sgargiante ed impossibilitato a rispondere. «E la nave? Se vuoi venderla, posso farti un buon prezzo."

Di fronte a Stan, si materializzò dall'alto il corpo blu, trasparente di LeChuck, seguito dalla sua testa ancora insoddisfatta. Stan guardò attentamente il nuovo arrivato.

"Ehilà, amico." disse giovialmente a LeChuck.

LeChuck squadrò Stan, e iniziò a ruotare il pugno con fare minaccioso.

A Stan piaceva quel tipo - agitava le braccia ancor più di lui! "Sai," disse in tono amichevole a LeChuck, "solo a guardarti, si vede che sei un uomo di mondo. Un uomo che distingue la qualità."

Il pugno di LeChuck si stava avvicinando alla velocità di un protone in un acceleratore di particelle.

"Un uomo che conosce un buon affare quando lo..."

xxxxxxxxxxxxxxxx

Stan arrivò fin nella stratosfera, e scomparve in un lampo. LeChuck lo guardò allontanarsi, poi iniziò a colpire la Macchina del Grog, riuscendo a inzuppare Guybrush di grog e birra di radice.

La scocca in metallo della Macchina del Grog non gli dava possibilità - evidentemente era stata costruita con le parti più resistenti delle navi di Stan. Frustrato, LeChuck la colpì più forte, iniziò con dei calci, e ben presto la macchina si accartocciò in modi sempre più strani, con Guybrush all'interno, contuso.

LeChuck raggiunse con un braccio fantasma la fessura principale della macchina, rovistò fino a trovare un ciuffo di capelli di Guybrush, e lo tirò fuori sul selciato. Si drizzò in piedi e guardò in basso il corpo disteso di Guybrush, in attesa che si alzasse.

Guybrush allargò le braccia, facendo leva per sollevarsi, e la sua mano sinistra sfiorò la bottiglia di birra di radice. Mentre si alzava in piedi fece scivolare la sua mano su di essa, quasi senza pensarci.

Il pugno di LeChuck cominciò a girare. Prima che Guybrush potesse essere colpito, però, notò l'etichetta sulla birra di radice. Guybrush iniziò così ad agitarla selvaggiamente.

La pressione del gas della birra di radice fece scoppiare il cappuccio. Uno spruzzo di birra di radice fuoriuscì dal collo della bottiglia, e andò a finire su LeChuck.

LeChuck improvvisamente vacillò. "--urk--," gracchiò, le sue gambe traballarono furiosamente. Tutto il suo corpo iniziò a tremare. LeChuck rimase a bocca aperta, e ora giganti gocce di sudore rotolavano sul suo corpo, schizzando tutt'intorno mentre lui tremava. I tremori peggioravano e sempre più gocce di sudore sprizzavano via dal suo corpo fantasma.

"Aiiieeeee!" urlò LeChuck. Il suo corpo si espanse come un palloncino, cominciò ad allungarsi, e improvvisamente esplose dritto verso il cielo, lasciando dietro di sé un gracile scheletro grigio. Lo scheletro fece un paio di passi incerti verso Guybrush, perse l'equilibrio e cadde sul selciato, dove si frantumò e scomparve nel nulla.

Instant replay:

LeChuck improvvisamente vacillò. "--urk--," gracchiò, le sue gambe traballarono furiosamente. Tutto il suo corpo iniziò a tremare. LeChuck rimase a bocca aperta, e ora giganti gocce di sudore rotolavano sul suo corpo, schizzando tutt'intorno mentre lui tremava. I tremori peggioravano e sempre più gocce di sudore sprizzavano via dal suo corpo fantasma.

"Aiiieeeee!" urlò LeChuck. Il suo corpo si espanse come un palloncino, cominciò ad allungarsi, e improvvisamente esplose dritto verso il cielo, lasciando dietro di sé un gracile scheletro grigio. Lo scheletro fece un paio di passi incerti verso Guybrush, perse l'equilibrio e cadde sul selciato, dove si frantumò e scomparve nel nulla.

Camera dal Dirigibile™:

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 14 lug 2016, 15:07

MiW-Special-Box
Un gabbiano solitario, al momento un pò smarrito, ebbe la sfortuna di essere direttamente sopra LeChuck quando esplose. Scosso da un improvviso rumore sottostante, il gabbiano guardò giù vedendo un orribile volto grigio che lo fissava con dei grossi occhi rossi che guardavano direttamente verso di lui. Il volto perse velocità così come la aveva aquisita, fino a quando non si arrestò a soli pochi piedi sotto il gabbiano, che fu meno che felice di ciò.

E poi LeChuck esplose di nuovo.

Guybrush, alzando lo sguardo verso il cielo dopo LeChuck, vide come i fuochi d'artificio di ogni colore e genere scoppiavano nel cielo notturno. Candele romane ruotavano sopra la postazione della sentinella di Mêlée Island™. Spettacolari scie di luce si vedevano sopra il Circo dei Fratelli Fettucini. E in mezzo a tutto questo chiasso, Guybrush pensò che per recepire un piccolo oggetto che precipitava a grande velocità sul terreno, questo doveva essere estremamente rumoroso.

"Ehi..." disse una morbida voce dietro di lui.

"Yikes!" esclamò Guybrush, e si girò per vedere Elaine in piedi dietro di lui, che lo guardava preoccupata ma sollevata. "Non ti avvicinare in quel modo!"

"Mi dispiace", disse Elaine.

Guybrush alzò gli occhi verso il cielo stellato. "Non fa niente."

Entrambi videro nel cielo come i fuochi d'artificio diventavano sempre più cangianti e splendenti. "Lo sai", disse Guybrush, "LeChuck era un verme, viscido, odioso, perverso e antipatico, ma gli devo concedere una cosa - sembra molto bello mentre esplode sotto le stelle"

"Sì, è molto romantico", concordò Elaine.

Guybrush stava già dimenticando le varie ammaccature. Non stava così bene da anni. In verità, questa era, e sarebbe stata, una notte giusta per i fuochi d'artificio.

Elaine guardò Guybrush. "Ti posso offrire una birra di radice?" chiese.

"In realtà, sono un pò stufo della birra di radice", confessò Guybrush. "Certo. Stan ne ha ancora - Ciumbia, spero che Stan stia bene..."

Lontano, mentre Guybrush pronunciava queste parole, Stan stava cadendo in mare di fronte al molo della città. Sarebbe sicuramente annegato, ma per fortuna l'albero maestro che era caduto al largo dalla scimmia di mare era ancora lì, galleggiava fuori dall'acqua. Con meno fortuna, Stan ci atterrò direttamente sopra.

Tornando a Stan, i fuochi d'artificio non conoscevano fine. Diventarono sempre più brillanti, fino al punto di minacciare di superare la luce della luna.

"Vorrei che l'avesse visto il mio equipaggio", disse Guybrush.

Il suo equipaggio non era qui per vedere questo spettacolo, in parte perché erano prigionieri nella capanna degli ospiti dei Cannibali di Monkey Island™, e c'erano da alcune ore.

"Sai", esordì Otis per l'ennesima volta, "Non posso esludere che Guybrush fosse in qualche modo responsabile dell'affondamento della nave con quella pietra..."

«Yeah», concordò il Maestro di Spada, che, come Otis, era vestito in modo troppo elegante per il caldo tropicale e se ne rendeva conto. "Appena troviamo un modo per lasciare l'isola dovremo fare una chiacchierata col nostro Sig. Threepwood..."

Meathook, seduto in un angolo, annuì con un deciso movimento della testa. "Il piccolo servitore."

"Prima usciamo di questa capanna", disse Otis.

Ci fu una pausa.

"Qualche idea di come riuscirci?"

Tornando a Stan, i fuochi d'artificio erano diminuiti di intensità. Questo fu più che compensato, però, dai nuovi, complessi e delicati modelli che ondeggiavano e si intrecciavano reciprocamente penetrando attraverso l'aria come dei draghi incantati.

"Almeno ho imparato qualcosa da tutto questo...", disse Guybrush.

"Cosa?" chiese Elaine, in piedi alle sue spalle, con le stelle nei suoi occhi.

"Non pagare mai, più di 79000 lire un computer game", disse Guybrush.

Elaine aggrottò la fronte... "Cosa hai detto?"

"Non lo so", disse Guybrush, un pò confuso da quello che aveva appena detto. "Non so perché l'ho detto."

Nell'aria calda della sera, sotto un cielo screziato dalla luce dei fuochi d'artificio, non sembrava davvero molto importante.

FINE ... per ora.
Questa è la fine...... per ora.
Altre avventure punta e clicca aspettano di essere raccontate, anche solo per farle conoscere ai giuovani di oggi che purtroppo hanno perso l'opportunità di vivere queste immani esperienze videoludiche

Avatar utente
Blackmonkey
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1920
Iscritto il: 10 ott 2011, 12:20

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Blackmonkey » 24 lug 2016, 19:44

:023: Ottimo lavoro!
Pian piano sto seguendo le tue orme, prima o poi ti raggiungerò.
un movimento stranamente delicato nonostante i capelli sporchi e folti
un movimento reso stranamente solleticante dai folti capelli sporchi

un percorso, questo, che lo portò tramite un ponte stretto ad un altro bivio.
un percorso che conduceva oltre uno stretto ponte ad un altro bivio.

un'intera parete era piena di giganteschi occhi rossi, senza palpebre
un'intera parete era rivestita di giganteschi occhi rossi senza palpebre

Sicuramente era difettosa.
Ovviamente quella cosa era difettosa.

La testa in modo provocatorio puntò sempre dietro.
La testa puntò sprezzantemente all’indietro.
(dopo questa frase c’era anche un a capo, mentre dovrebbe seguire immediatamente la frase successiva)

Cosa che fece, mentre la testa dava indicazioni tempestive e utili.
Cosa che fece, dato che la testa dava indicazioni tempestive e utili.

attraversò un boschetto di stalagmiti
attraversò una selva di stalagmiti

Si chinò entrando.
Entrò chinandosi.

Emergendo dalla grotta, proseguì diritto e finì in un'altra grotta.
Emergendo dalla caverna, prese un’altra svolta a destra e finì in un'altra grotta.
(per evitare la ripetizione con il paragrafo precedente, “Uscendo dalla grotta”)

la testa lo rimandò di nuovo indietro, in un paesaggio che era subito cambiato.
la testa lo rimandò di nuovo indietro, verso un paesaggio che era cambiato in un batter d’occhio.

Di sotto, vide la sagoma blu, spettrale della nave pirata di LeChuck
Al di sotto, vide la spettrale sagoma blu della nave pirata di LeChuck
o
Sotto, vide la spettrale sagoma blu della nave pirata di LeChuck

le sue vele eteree che soffiavano nelle basse correnti sulfuree.
le sue vele eteree che si gonfiavano nei venti infernali.
o
le sue vele eteree gonfiate dai venti infernali.

e camminando intorno i crepacco in mezzo alla strada
e aggirando le fessure della strada

Stava sul bordo del ponte, e per il momento stava completamente studiando l'area.
Era sul bordo del ponte, e per il momento aveva tempo di studiare accuratamente l'area.

un gruppo di quattro pirati fantasma stavano facendo festa chiassosa.
un gruppo di quattro pirati fantasma stavano facendo una festa chiassosa.
o
un gruppo di quattro pirati fantasma stavano chiassosamente facendo festa.

e se la luce blu della trasparenza era un pò paurosa
e se la trasparenza azzurrognola era un pò sgradevole

dello Scumm bar
dello Scumm Bar

uno con una reale gamba di legno
uno con una gamba di legno vera e propria
da quello che ho capito cercando su internet, “real-as-socks” significa vero, reale

di tanto in tanto lanciava la testa in aria e la rimetteva sul collo
lanciando di tanto in tanto la testa in aria e acchiappandola con il collo

Gli altri fumavano la pipa e annuivano a tempo con la musica.
Gli altri tamburellavano sulle pipe e annuivano a tempo con la musica.

ai piedi della scalinata che portava alla ruota
ai piedi della scalinata che portava al timone

Una porta era fissata nel legno vicino alle scale.
Una porta era posta nella parete di legno vicino alle scale.

Accanto a queste scale, c'era un'altra porta.
Oltre quelle scale, c'era un'altra porta.

(Uno stato di cose abbastanza usuale. A Guybrush accadeva ovunque).
(una situazione abbastanza usuale. A Guybrush accadeva ovunque).

che la sua forma solida, rosa pallido era un pò vistosa su
che la sua forma solida rosa pallido sarebbe stata un pò vistosa su

disse con un tentativo assolutamente fallito di nonchalance
disse in un tentativo completamente fallito di nonchalance

avvicimarsi in modo dinoccolato
avvicinarsi con andatura dinoccolata

e corse fuori dalla nave, saltò giù a terra, e si arrampicò su per il sentiero della scogliera
e corse giù dalla nave, saltò a terra, e se la diede a gambe su per il sentiero fino alla scogliera

era troppo reale
lui era troppo reale

la testa nella mano destra
la sua testa nella mano destra

questa fu la sua risposta
Ecco la risposta

Soddisfatto della sua deduzione, Guybrush andò a prendere la collana.
Soddisfatto della sua deduzione, Guybrush allungò la mano per prendere la collana.

La testa era stranamente affezionata alla collana - il suono della voce ricordava il suono di un mucchio di foglie, se un mucchio di foglie fosse stato in grado di parlare. Inoltre, la cosa più strana di tutte era che stava parlando in prima persona.
La testa aveva un’insolita particolarità - la sua voce ricordava il suono che sarebbe emesso da un mucchio di foglie, se fosse in grado di parlare. Tuttavia, la particolarità più insolita di tutte era innanzitutto il fatto che stesse parlando.

e la allontanò precisamente a distanza del suo braccio. La testa si voltò, così da poterlo osservare.
e tenne accuratamente sospesa la testa a distanza di sicurezza. La testa roteò, dando un’occhiata in giro.
o
e tenne accuratamente la testa sospesa alla distanza di un braccio. La testa roteò, dando un’occhiata in giro.

disse con una voce che ora ricordava a Guybrush più un fantino
qui ho un dubbio… “jockey” sta per fantino o è un’abbreviazione di “(disc) jockey”? la seconda opzione mi sembrerebbe più adatta al contesto, ma non ne sono certo...

Il termine surrealismo non descrive abbastanza bene quello che stava succedendo.
Il termine surrealismo non si avvicina neanche a descrivere quello che stava succedendo.

disse la testa con una voce amica
disse la testa con voce amichevole

domandò Guybrush in una voce speranzosa e piacevole
domandò Guybrush con tono speranzoso e gentile

Non aveva particolarmente voglia di conoscere il lato cattivo della testa
???

Di cosa può aver bisogno una testa con una viscida collana?
Che bisogno aveva una testa di una collana logora?
o
Che poteva farsene una testa di una collana logora?

Gli occhi del testa ruotarono intorno.
Gli occhi del testa rotearono.

Puoi pregare quanto vuoi... non la puoi avere
Puoi pregare quanto vuoi, non la puoi avere

Ho un brutto presentimento
Ho un brutto presentimento su questo posto

La spiegazione non lasciava speranze a Guybrush. Ma ne aveva bisogno anche lui. E anche ora Elaine era tenuta in quella stiva maledetta...
La spiegazione non fece a Guybrush né caldo né freddo. Ne aveva bisogno anche lui. E proprio ora Elaine stava soffrendo nella stiva...

disse in una voce meno affabile.
disse con tono meno affabile.
per evitare la ripetizione con la frase successiva

"Io non voglio farti del male." ammise lentamente Guybrush
"Io non vorrei doverti fare del male." articolò lentamente Guybrush

“E io non voglio che tu te ne penta", esclamò con una voce che suggeriva a Guybrush che probabilmente sarebbe stato il primo a pentirsene.
“E io non vorrei doverti costringere a pentirtene", esclamò con una voce che suggeriva che probabilmente gli sarebbe piaciuto essere il primo a far pentire Guybrush.

Se avessi voluto avrei potuto lasciarti qui per sempre.
Se volessi potrei lasciarti qui per sempre.

Se avessi voluto, avrei potuto gettarti nella lava.
Se volessi, potrei calciarti nella lava.

La testa si voltò, e indirizzò gli occhi adirati verso la lava densa e bollente
La testa si ruotò, e indirizzò gli occhi adirati verso la lava che bolliva e si alzava e si abbassava
o
La testa si ruotò, e indirizzò gli occhi adirati verso la superficie della lava che bolliva e ondeggiava
(secondo me è meglio la seconda; “heave” indica un movimento ondulatorio della superficie)

E sorrise, soddisfatta da questa considerazione del momento.
E sorrise, compiaciuto di questa analisi a caldo della situazione.
(se usi “compiaciuta” devi cambiare anche le frasi precedenti riferite alla testa)

prese la collana viscida con la sinistra, e la indossò da sopra la sua testa
prese la collana lurida con la sinistra, e la indossò da sopra la testa

Gli stava un pò larga, e delle linee blu scuro percorsero e fluirono sulla sua pelle.
Penzolò mollemente attorno al collo, e delle linee blu scuro corsero e fluirono sulla sua pelle.

Sentiva il cuore più forte.
Il cuore divenne più pesante.

La sua pelle era frizzante.
La sua pelle formicolò.

Guybrush si precipitò giù per la nave.
Guybrush si precipitò giù verso la nave.
un movimento stranamente delicato nonostante i capelli sporchi e folti
un movimento reso stranamente solleticante dai folti capelli sporchi

un percorso, questo, che lo portò tramite un ponte stretto ad un altro bivio.
un percorso che conduceva oltre uno stretto ponte ad un altro bivio.

un'intera parete era piena di giganteschi occhi rossi, senza palpebre
un'intera parete era rivestita di giganteschi occhi rossi senza palpebre

Sicuramente era difettosa.
Ovviamente quella cosa era difettosa.

La testa in modo provocatorio puntò sempre dietro.
La testa puntò sprezzantemente all’indietro.
(dopo questa frase c’era anche un a capo, mentre dovrebbe seguire immediatamente la frase successiva)

Cosa che fece, mentre la testa dava indicazioni tempestive e utili.
Cosa che fece, dato che la testa dava indicazioni tempestive e utili.

attraversò un boschetto di stalagmiti
attraversò una selva di stalagmiti

Si chinò entrando.
Entrò chinandosi.

Emergendo dalla grotta, proseguì diritto e finì in un'altra grotta.
Emergendo dalla caverna, prese un’altra svolta a destra e finì in un'altra grotta.
(per evitare la ripetizione con il paragrafo precedente, “Uscendo dalla grotta”)

la testa lo rimandò di nuovo indietro, in un paesaggio che era subito cambiato.
la testa lo rimandò di nuovo indietro, verso un paesaggio che era cambiato in un batter d’occhio.

Di sotto, vide la sagoma blu, spettrale della nave pirata di LeChuck
Al di sotto, vide la spettrale sagoma blu della nave pirata di LeChuck
o
Sotto, vide la spettrale sagoma blu della nave pirata di LeChuck

le sue vele eteree che soffiavano nelle basse correnti sulfuree.
le sue vele eteree che si gonfiavano nei venti infernali.
o
le sue vele eteree gonfiate dai venti infernali.

e camminando intorno i crepacco in mezzo alla strada
e aggirando le fessure della strada

Stava sul bordo del ponte, e per il momento stava completamente studiando l'area.
Era sul bordo del ponte, e per il momento aveva tempo di studiare accuratamente l'area.

un gruppo di quattro pirati fantasma stavano facendo festa chiassosa.
un gruppo di quattro pirati fantasma stavano facendo una festa chiassosa.
o
un gruppo di quattro pirati fantasma stavano chiassosamente facendo festa.

e se la luce blu della trasparenza era un pò paurosa
e se la trasparenza azzurrognola era un pò sgradevole

dello Scumm bar
dello Scumm Bar

uno con una reale gamba di legno
uno con una gamba di legno vera e propria
da quello che ho capito cercando su internet, “real-as-socks” significa vero, reale

di tanto in tanto lanciava la testa in aria e la rimetteva sul collo
lanciando di tanto in tanto la testa in aria e acchiappandola con il collo

Gli altri fumavano la pipa e annuivano a tempo con la musica.
Gli altri tamburellavano sulle pipe e annuivano a tempo con la musica.

ai piedi della scalinata che portava alla ruota
ai piedi della scalinata che portava al timone

Una porta era fissata nel legno vicino alle scale.
Una porta era posta nella parete di legno vicino alle scale.

Accanto a queste scale, c'era un'altra porta.
Oltre quelle scale, c'era un'altra porta.

(Uno stato di cose abbastanza usuale. A Guybrush accadeva ovunque).
(una situazione abbastanza usuale. A Guybrush accadeva ovunque).

che la sua forma solida, rosa pallido era un pò vistosa su
che la sua forma solida rosa pallido sarebbe stata un pò vistosa su

disse con un tentativo assolutamente fallito di nonchalance
disse in un tentativo completamente fallito di nonchalance

avvicimarsi in modo dinoccolato
avvicinarsi con andatura dinoccolata

e corse fuori dalla nave, saltò giù a terra, e si arrampicò su per il sentiero della scogliera
e corse giù dalla nave, saltò a terra, e se la diede a gambe su per il sentiero fino alla scogliera

era troppo reale
lui era troppo reale

la testa nella mano destra
la sua testa nella mano destra

questa fu la sua risposta
Ecco la risposta

Soddisfatto della sua deduzione, Guybrush andò a prendere la collana.
Soddisfatto della sua deduzione, Guybrush allungò la mano per prendere la collana.

La testa era stranamente affezionata alla collana - il suono della voce ricordava il suono di un mucchio di foglie, se un mucchio di foglie fosse stato in grado di parlare. Inoltre, la cosa più strana di tutte era che stava parlando in prima persona.
La testa aveva un’insolita particolarità - la sua voce ricordava il suono che sarebbe emesso da un mucchio di foglie, se fosse in grado di parlare. Tuttavia, la particolarità più insolita di tutte era innanzitutto il fatto che stesse parlando.

e la allontanò precisamente a distanza del suo braccio. La testa si voltò, così da poterlo osservare.
e tenne accuratamente sospesa la testa a distanza di sicurezza. La testa roteò, dando un’occhiata in giro.
o
e tenne accuratamente la testa sospesa alla distanza di un braccio. La testa roteò, dando un’occhiata in giro.

disse con una voce che ora ricordava a Guybrush più un fantino
qui ho un dubbio… “jockey” sta per fantino o è un’abbreviazione di “(disc) jockey”? la seconda opzione mi sembrerebbe più adatta al contesto, ma non ne sono certo...

Il termine surrealismo non descrive abbastanza bene quello che stava succedendo.
Il termine surrealismo non si avvicina neanche a descrivere quello che stava succedendo.

disse la testa con una voce amica
disse la testa con voce amichevole

domandò Guybrush in una voce speranzosa e piacevole
domandò Guybrush con tono speranzoso e gentile

Non aveva particolarmente voglia di conoscere il lato cattivo della testa
(non mi convince del tutto, ma non riesco a trovare una traduzione migliore)

Di cosa può aver bisogno una testa con una viscida collana?
Che bisogno aveva una testa di una collana logora?
o
Che poteva farsene una testa di una collana logora?

Gli occhi del testa ruotarono intorno.
Gli occhi del testa rotearono.

Puoi pregare quanto vuoi... non la puoi avere
Puoi pregare quanto vuoi, non la puoi avere

Ho un brutto presentimento
Ho un brutto presentimento su questo posto

La spiegazione non lasciava speranze a Guybrush. Ma ne aveva bisogno anche lui. E anche ora Elaine era tenuta in quella stiva maledetta...
La spiegazione non fece a Guybrush né caldo né freddo. Ne aveva bisogno anche lui. E proprio ora Elaine stava soffrendo nella stiva...

disse in una voce meno affabile.
disse con tono meno affabile.
per evitare la ripetizione con la frase successiva

"Io non voglio farti del male." ammise lentamente Guybrush
"Io non vorrei doverti fare del male." articolò lentamente Guybrush

“E io non voglio che tu te ne penta", esclamò con una voce che suggeriva a Guybrush che probabilmente sarebbe stato il primo a pentirsene.
“E io non vorrei doverti costringere a pentirtene", esclamò con una voce che suggeriva che probabilmente gli sarebbe piaciuto essere il primo a far pentire Guybrush.

Se avessi voluto avrei potuto lasciarti qui per sempre.
Se volessi potrei lasciarti qui per sempre.

Se avessi voluto, avrei potuto gettarti nella lava.
Se volessi, potrei calciarti nella lava.

La testa si voltò, e indirizzò gli occhi adirati verso la lava densa e bollente
La testa si ruotò, e indirizzò gli occhi adirati verso la lava che bolliva e si alzava e si abbassava
o
La testa si ruotò, e indirizzò gli occhi adirati verso la superficie della lava che bolliva e ondeggiava
(secondo me è meglio la seconda; “heave” indica un movimento ondulatorio della superficie)

E sorrise, soddisfatta da questa considerazione del momento.
E sorrise, compiaciuto di questa analisi a caldo della situazione.
(se usi “compiaciuta” devi cambiare anche le frasi precedenti riferite alla testa)

prese la collana viscida con la sinistra, e la indossò da sopra la sua testa
prese la collana lurida con la sinistra, e la indossò da sopra la testa

Gli stava un pò larga, e delle linee blu scuro percorsero e fluirono sulla sua pelle.
Penzolò mollemente attorno al collo, e delle linee blu scuro corsero e fluirono sulla sua pelle.

Sentiva il cuore più forte.
Il cuore divenne più pesante.

La sua pelle era frizzante.
La sua pelle formicolò.

Guybrush si precipitò giù per la nave.
Guybrush si precipitò giù verso la nave.

Come prima, si trovava sul ponte, si guardò intorno, e si avviò verso prua.
Come prima, si portò sul ponte, si guardò intorno, e si avviò verso prua.

Erano in ogni caso, tornati alla loro festa, considerando
Erano in ogni caso tornati alla loro festa, considerando

Le scale lo condussero ai letti dell'equipaggio
Le scale lo condussero ai quartieri dell'equipaggio

un numero di polli fantasma bianchi stavano beccando sul pavimento, e due maligni maiali fantasma erano bloccati con sicurezza da un recinto
un certo numero di bianchi polli fantasma stavano becchettando sul pavimento, e due maligni maiali fantasma erano rinchiusi al sicuro in un recinto
o
un certo numero di bianchi polli fantasma stavano becchettando sul pavimento, e due maligni maiali fantasma erano rinchiusi sotto chiave in un recinto
(la seconda, anche se non letterale, mi sembra meglio; fa capire che i maiali sono rinchiusi per la sicurezza degli altri, non loro)

L'animale scappò dal suo tocco ma, ciononostante, lasciò che il nostro potesse tenere una piuma fantasma.
L'animale rifuggì il suo tocco, però, lasciando il nostro con una piuma fantasma in mano.

fatta eccezione per l'enorme antiradice voodoo incandescente.
fatta eccezione per l'enorme antiradice voodoo luminescente.

Non poté fare nient'altro qui. Purtroppo, Guybrush dovette abbandonare la stanza di stoccaggio, rientrò nella stanza di coperta per l'equipaggio
Non c’era altro che potesse fare qui. A malincuore, Guybrush abbandonò la stiva, rientrò nella stanza dell'equipaggio
o
Non c’era altro che potesse fare qui. A malincuore, Guybrush abbandonò il magazzino, rientrò nella stanza dell'equipaggio
(la “coperta” a quanto ne so è solo la parte superiore della nave, il ponte aperto)

la strofinò dolcemente sotto i piedi del fantasma
la strofinò dolcemente sulle piante dei piedi del fantasma

Le braccia ebbero uno spasmo per raggomitolarsi istintivamente
Le braccia ebbero uno spasmo mentre si raggomitolava istintivamente

ma perché ciò si sarebbe potuto rivelare utile. Inoltre, il fantasma, probabilmente, non reggeva il grog.
ma perché si sarebbe potuta rivelare utile. Inoltre, il grog fantasma era probabilmente un po’ leggero.

l'aria frizzante dell'inferno
la frizzante aria infernale

La porta più vicina a lui, dietro la quale dormiva il pirata ubriaco
La porta più vicina a lui, presso la quale dormiva il pirata ubriaco

Il pirata con la gamba di legno nel momento del rumore si voltò. "Cos'è stato?" strillò, muovendosi verso la porta.
Il pirata con la gamba di legno si voltò verso il rumore. "Cos'è stato?" disse con un gridolino, muovendosi verso la porta.
(squeak sarebbe un gridolino di sorpresa)
Guybrush si spostò rapidamente mentre il pirata fantasma chiuse l'uscio
Guybrush si spostò rapidamente quando il pirata fantasma chiuse l'uscio

Ciò lasciò incustodita la porta dall'altro lato della nave.
Rimaneva la porta dall'altro lato della nave.
(dato che questa cigola rimane da provare solo l’altra porta, che era già incustodita)

La sua barba si agitava, sotto l'impercettibile brezza, verso Guybrush, che
La sua barba si agitava nella brezza non percepita da Guybrush, che

I minuti passavano.
Passarono minuti.

che la sua presenza non era stata ancora smascherata
che la sua presenza non era ancora nota
o
che la sua presenza non era stata ancora rivelata

un sacco di grasso sarebbe stato bello ora
davvero di grande utilità ora

fece involontariamente un balzo all indietro e questo lo salvò, visto che LeChuck avanzò
fece involontariamente un balzo all’indietro e questo lo salvò, perché LeChuck avanzò

ringhiò, cercando qualsiasi intruso nell'aria
ringhiò, ispezionando l’aria alla ricerca di intrusi

Doveva provare di nuovo a prendere quella chiave.
Eppure doveva impadronirsi di quella chiave.

dopodiché si mosse avanti con passo furtivo il ​​più vicino possibile il suo coraggio gli permettesse di arrivare.
dopodiché si mosse avanti con passo furtivo ​​più vicino che osò.
o
dopodiché si mosse con passo furtivo fin dove il suo coraggio gli permise di arrivare.

Guybrush spremette le meningi. Non aveva alcuna ispirazione. Non poteva nemmeno respirare, perché il suo alito sarebbe andato dritto sopra la spalla destra di LeChuck.
Guybrush si spremette le meningi. Era a corto di particelle di ispirazione. Osava a malapena respirare, perché il suo alito sarebbe passato proprio al di sopra della spalla destra di LeChuck.

Accadde qualcosa. Mentre si avvicinò furtivamente alla chiave, ebbe la sensazione di un piccolo ago che si spostava nella sua tasca sinistra. Si sentì un pò a disagio.
C’era qualcosa. Mentre si era avvicinato furtivamente alla chiave, aveva sentito un piccolo ago che si spostava nella sua tasca sinistra. Era un po’ scomodo.

"Possiede un forte magnete che può interferire con le apparecchiature di navigazione." Guybrush fissò la bussola magnetica. Funzionerà?
"Contiene un forte magnete che può interferire con le apparecchiature di navigazione." Guybrush fissò la bussola magnetica. Poteva funzionare?

Ma la fortuna di Guybrush tenne.

gancio e, come se fosse attratta da una calamita, volò verso il magnete,
gancio, e come se fosse attratta da un magnete volò verso il magnete,

prima che potesse cadere e distrarre la concentrazione di LeChuck. Con la chiave ora al sicuro, Guybrush era fuori dai guai.
prima che potesse collidere e rovinare la concentrazione di LeChuck. Con la chiave ora al sicuro, Guybrush se ne andò di corsa.
o
prima che potesse collidere e interrompere la concentrazione di LeChuck. Con la chiave ora al sicuro, Guybrush se ne andò di corsa.

attraversò la zona letti dell'equipaggio
attraversò i quartieri dell'equipaggio

dimensione e forma per la botola chiusa sottocoperta, Guybrush provò, e vide che funzionava.
dimensione e forma per la botola che portava da basso, Guybrush provò, e vide che entrava.

e in fondo Guybrush capì che questa non poteva essere, dopo tutto, la prigione di Elaine
e in fondo Guybrush scoprì che questa non era, dopo tutto, la prigione di Elaine

vasca
tinozza
(usato un paio di volte)

era sede di una serie di ratti fantasma grassi e rabbiosi
era la tana di un gran numero di ratti fantasma grassi e rabbiosi

Uno, però, si mise, con uno scatto, al centro del pavimento, fissando vigile Guybrush.
Uno, però, stava dritto fisso al centro del pavimento, fissando vigile Guybrush.

e Guybrush non si curò del fatto che fosse un topo fantasma o no - sembrava pronto a mordere.
e a Guybrush non importava se fosse un fantasma o no - sembrava pronto a mordere.

Per Guybrush non c'era alcuna possibilità di andare da nessuna parte in prossimità di quel topo.
Per nessun motivo Guybrush si sarebbe avvicinato a quel topo.

pensò Guybrush, perché non era ubriaco come i suoi amici.
pensò Guybrush, perché non si era ubriacato come i suoi amici.

lo versò in un piccolo scodella e lo spinse con un calcio verso il ratto.
lo versò in una piccola scodella e la spinse con un calcio verso il ratto.

Non sapendo dove metterselo,
Non sapendo dove conservarlo,

scoprì di aver raccolto troppo grasso - lo mise così sulle cerniere, sul manico, sulle viti, e su ogni altra cosa si trovasse nelle vicinanze, rimanendo ancora con la mano unta
scoprì di aver raccolto troppo grasso - lo mise sulle cerniere, sulla maniglia, sulle viti, e su ogni altra cosa si trovasse nelle vicinanze, e rimase ancora con la mano unta

una cassetta per gli attrezzi fantasma
una cassetta di attrezzi fantasma

lesse l'etichetta sopra la porta che portava scritto BRIG.
lesse la targa sopra la porta che portava scritto PRIGIONE.

ma non poté avvicinarsi abbastanza perché la guardia fantasma stava in mezzo
ma non poté avvicinarsi abbastanza perché c’era di mezzo la guardia fantasma

E questi strumenti, appesi nel raccoglitore, sembravano utili.
E questi strumenti, appesi dalla rastrelliera, sembravano utili.

Si avviò a passo svelto per l'area di stoccaggio alimentare
Si avviò a passo svelto verso l'area di stoccaggio alimentare

Guybrush guardò la cassa, e gli strumenti dei fantasmi.
Guybrush guardò la cassa, e gli strumenti fantasma.

"Questo dovrebbe farcela"
"Così dovrebbe andare"

martellate furiose, tagli e avvitamenti
martellate, tagli e svitamenti furiosi

perse parte della sua lucentezza e divenne più una normale radice che non quell'oggetto che cercava in modo impressionante.
perse parte della sua lucentezza e divenne più una radice contorta dall’aspetto non molto impressionante.

"Guarda, non sta scherzando! Eccola!"
"Guardate, non sta scherzando! Eccola!"

Dopo un pò comparve una scimmia a tre teste, che passeggiava liberamente alle sue spalle.
Dopo un po’ fu raggiunto da una scimmia a tre teste, che comparve passeggiando da dietro di lui.

La scimmia infilò le mani tra le tasche nascoste e prese una banana
La scimmia infilò una zampa in una tasca nascosta ed estrasse una banana

Una delle teste stava girata a guardare Guybrush, e gli fece l'occhiolino.
Una delle teste si voltò a guardare Guybrush, e gli fece l'occhiolino.

riempita con un liquido marrone brutto come uno sputo di tabacco,
riempita con un rivoltante liquido marrone simile a tabacco sputato,

"e l'ectoplasma è fatto!"
"e l'ectoplasma è finito!"
o
"e l'ectoplasma è andato!"

Dopo aver corso a tutta velocità...
Dopo altre furiose pagaiate...
e lui c'era stato così vicino!
e lui c'era andato così vicino!
o
e lui era arrivato così vicino!

"Ti do un assaggio di birra alla radice, spirito malvagio!" esclamò.
"Assaggia un po’ di birra di radice, spirito malvagio!" esclamò.
o
"Assaggia questa birra di radice, spirito malvagio!" esclamò.

"Se si tratta dei fantasmi che stavi cercando, posso dirti dove si trovano!"
"Se sono dei fantasmi che stai cercando, posso dirti dove si trovano gli altri!"

Questo pirata, come la maggior parte dei pirati di LeChuck e, più precisamente, come la maggior parte dei pirati, aveva sentito parlare di qualità come l'onore e la lealtà, e pensò che potrebbero ottenere farciti.
Questo pirata, come la maggior parte dei pirati di LeChuck e, in effetti, la maggior parte dei pirati in genere, aveva sentito parlare di qualità come l'onore e la lealtà, e pensava che poteva andare al diavolo.

Guybrush conservò la bottiglia in tasca
Guybrush tenne la bottiglia in mano

"No, non ti prometterò di non farti del male", rassicurò Guybrush.
"Non ti prometto di non trattenermi dal farti del male", lo rassicurò Guybrush.

Anche se sembrava impaziente di tirarla fuori.
Ed era stato così impaziente di provarla.

La parola diede un improvviso brivido gelido nel cuore sospettoso di Guybrush.
La parola causò un improvviso brivido gelido nel cuore sospettoso di Guybrush.

La mia testa è caduta lì nella lava, e ho dovuto inseguirla, e quando sono tornato
La mia testa è caduta lì nella lava, e ho dovuto inseguirla. Quando sono tornato

LeChuck sta sposando il Governatore dell'Isola di Mêlée™
LeChuck sposerà il Governatore dell'Isola di Mêlée™

"Cosa!?" Guybrush è rimase scioccato
"Cosa!?" Guybrush era scioccato

Velocemente abbandonò quella linea di pensiero
Velocemente eresse un muro lungo quella linea di pensiero
o
Velocemente eresse una diga lungo quella linea di pensiero

"Dov'è il matrimonio?" chiese, ancora scosso.
"Dov'è il matrimonio?" chiese, ancora traumatizzato.

Hai ragione! Deve esserci un modo di fermare quel matrimonio!!
Hai ragione! Devo fermare quel matrimonio!!

Guybrush si voltò per andarsene, o almeno lo avrebbe fatto se Herman Toothrot in quel momento non si fosse avvicinato allegramente fino alla scogliera, passò accanto a Guybrush, e si avvicinò al pirata fantasma.
Guybrush si voltò per andarsene, e lo avrebbe fatto se Herman Toothrot in quel momento non si fosse avvicinato allegramente alla scogliera, oltrepassando Guybrush, fino al pirata fantasma.

esclamò Herman brillantemente
esclamò Herman briosamente

"Hai una nave?" Era tutto quello che pensò di chiedere.
"Tu hai una nave?" fu tutto ciò che riuscì a pensare di chiedere.

Guybrush scosse la testa, cercando di togliervi le ragnatele.
da quanto ho capito “togliere/rimuovere le ragnatele” è un’espressione che sta per “schiarirsi le idee”. ci sono modi di dire simili in italiano?

Bob gli stava facendo segni dalle catacombe dietro
Bob gli stava facendo cenno dalle catacombe al di là

PARTE 4: Il finale
PARTE 4: GUYBRUSH PRENDE A CALCI DEI SEDERI

Dove sarà andato ADESSO Toothrot? Adesso dovrò fermare il matrimonio da solo!
Dove sarà andato ADESSO Toothrot? Ora dovrò fermare il matrimonio da solo!
(solo per evitare la ripetizione)

LeChuck aveva nominato i pirati fantasma a guardia di tutta la città, e uno di loro
LeChuck aveva posizionato i pirati fantasma a guardia di tutta la città, e uno di loro
o
LeChuck aveva messo i pirati fantasma a guardia di tutta la città, e uno di loro

dati gli enormi rotoli di grasso fantasma che c'erano sopra i suoi pantaloni
dati gli enormi rotoli di grasso fantasma che sporgevano da sopra i suoi pantaloni

Potrebbe intetessarle della birra di radice
Potrebbe interessarle della birra di radice

Birra di Radice?
Birra di radice?

Si sporse in avanti mentre Guybrush prese la bottiglia di seltzer dalla tasca e la scosse
Si sporse in avanti mentre Guybrush prendeva la bottiglia di seltzer dalla tasca e la scuoteva
o
Si sporse in avanti quando Guybrush prese la bottiglia di seltzer dalla tasca e la scosse

Guybrush mise via la bottiglia. "Fresco!" disse
Guybrush mise via la bottiglia. "Grande!" disse
(cool in questo caso vuol dire grande, ganzo, fico)

oltrepassando il residuo viscido del pirata fantasma rimasto al suolo.
oltrepassando il residuo viscido del pirata fantasma e raggiungendo la terraferma.

Lo spettro cupo
Il cupo spettro

disse, meditando
disse, meditabondo

quell'odore da interni-di-tomba tipico di un fantasma?
quell'odore da interni di tomba tipico di un fantasma?

Staccati la testa // Vuoi dire il tappo da questa birra di radice?
(c’è un modo per mantenere in italiano il gioco di parole head=testa e head=tappo?)

oltre il negozio dei pirati, fino alla chiesa dove finalmente entrò.
oltre il negozio pirata, finché la chiesa fu finalmente in vista.

I colori primari brillavano fuori fin sulla strada dai vetri dipinti delle finestre
I colori primari brillavano fuori fin sulla strada dalle vetrate colorate

e brillavano con una luce intensa
e brillavano di una luce intensa

"...se vi è qualcuno che per una ragione sia contrario... eer...al matrimonio di queste due persone...che parli adesso o taccia per sempre..."
"... se vi è qualcuno che per una qualche ragione è contrario al matrimonio di queste due... eer... persone... che parli adesso o taccia per sempre..."
(l’esitazione dovrebbe essere inserita prima di “persone”, dato che solo una delle due lo è, tecnicamente)

Guybrush cominciò a dirigersi a grandi passi lungo il corridoio
Guybrush cominciò a dirigersi a grandi passi lungo la navata

Dietro LeChuck, dai travetti del solaio, una corda si slegò scendendo
Dietro LeChuck, una corda fu calata dalle travi del soffitto

Atterrò sulla moquette della navata
Atterrò sul tappeto della navata

Mi fà piacere che tu sia venuto a salvarmi
Mi fa piacere che tu sia venuto a salvarmi

Sfortunatamente, il tuo arrivo, mi ha forzato ad agire prima del necessario
Sfortunatamente, il tuo arrivo mi ha forzato ad agire prima del necessario

"Hey!"
"Ehi!"

si rivolse a nuovamente a loro. "Se tu sei qui?" Chiese, "allora chi indossa quel vestito?"
si rivolse nuovamente verso di loro. "Se tu sei qui," chiese, "allora chi indossa quel vestito?"

La figura fece dei teneri movimenti verso LeChuck, e poi l'abito cadde via per rivelare due scimmie, uno in piedi sulle spalle dell'altra
La figura fece dei teneri cenni diretti a LeChuck, e poi l'abito cadde rivelando due scimmie, una in piedi sulle spalle dell'altra

Non spaventarli!
Non spaventarle!

Scomparvero così nella sacrestia.
Scomparvero nella sacrestia.

Sperava che lo Scumm bar fosse ancora aperto, perché aveva bisogno di un drink.
Sperò che lo Scumm Bar fosse ancora aperto, perché aveva bisogno di un drink.

Adesso li devo inseguire per riavere la mia birra alla radice voodoo
Adesso li dovrò inseguire per riprendermi la mia birra di radice voodoo

LeChuck, ora che Elaine era andata
LeChuck, ora che Elaine se n’era andata

era terribile da vedere
era terribile a vedersi

Non credo alla tua audacia!
Non posso credere alla tua audacia!
o
Non riesco a credere alla tua audacia!

Beh, non credo alla tua stupidità!
Beh, io non posso credere alla tua stupidità!
o
Beh, io non riesco a credere alla tua stupidità!

disse, di rimando, Guybrush a cui gli insulti erano diventati
disse di rimando Guybrush, per cui gli insulti erano diventati

Ho dovuto impedirti di sposare il Governatore.
Dovevo impedirti di sposare il Governatore.

Lo sposerò ancora!
La sposerò comunque!

Forse questo soccorso avrebbe potuto funzionare, dopo tutto.
Forse questo salvataggio avrebbe potuto avere successo, dopo tutto.

Non sarete più così minacciosi, tangibili pirati, tu fluttuante sacco di... di... di qualcosa che inizia con la 'b'!
Non minaccerai più gli onesti, tangibili pirati, tu nebulosa nube di... di... di qualcosa che inizia con la 'n'!
(se trovi qualcosa di meglio per mantenere l’allitterazione cambia pure)

Guardando direttamente nel contenuto velenoso della bottiglia
Guardando direttamente nel velenoso serbatoio della bottiglia

aspetta un minuto, amico - Stavo solo scherzando
aspetta un minuto, amico - stavo solo scherzando

Guybrush provò e riprovò, ma quella dannata cosa semplicemente non spruzzava
Guybrush provò e riprovò, ma quella dannata cosa non spruzzava proprio

della mano di LeChuck, ora girava ad una velocità incredibile
della mano di LeChuck, che ora girava ad una velocità incredibile

In accordo con la teoria della relatività generale di Einstein
In accordo con la Teoria della Relatività Generale di Einstein

Guybrush ingerì.
Guybrush deglutì.

ora completamente un vortice circolare
ora completamente invisibile in un vortice circolare

Da una posizione eretta Guybrush venne scagliato verso l'alto con la velocità del razzo
Da una posizione eretta Guybrush venne scagliato verso l'alto con la velocità di un razzo

Il prete guardò il buco nel tetto, poi iniziò a percorrere tutto il corridoio verso lo Scumm bar.
Il prete guardò il buco nel tetto, poi iniziò a percorrere tutta la navata verso lo Scumm Bar.

Guybrush volava. Sopra la montagna, dove la guardia guardava, del tutto miope, le navi.
Guybrush volò. Sopra la montagna, dove la vedetta cercava con lo sguardo miope le navi.

fredda e rsrefatta
fredda e rarefatta

Dietro di lui LeChuck, planando senza paura attraverso la brezza notturna, era spinto da forze infernali che contrastavano la gravità.
Dietro di lui veniva LeChuck, planando senza paura attraverso la brezza notturna, spinto da forze infernali al di là della morte.

Maestro di Spade
Maestro di Spada

tagliando in modo molto preciso un lato dell'albero
tosando in modo molto preciso un lato dell'albero

L'impatto con i rami lo rallentò giusto in modo che non morisse o perdesse conoscenza quando cadde in una fitta macchia di felci.
L'impatto con i rami lo rallentò a sufficienza per impedirgli di morire o perdere conoscenza quando cadde in una fitta macchia di felci.

Avatar utente
Blackmonkey
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1920
Iscritto il: 10 ott 2011, 12:20

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Blackmonkey » 30 lug 2016, 8:52

Ed ecco l'ultima parte!
Sopra di lui vide LeChuck che scendeva dall'alto, con le braccia tese, come l'insorgenza di un destino azzurro
Sopra di sé vide LeChuck che scendeva dall'alto, con le braccia tese, come l’annuncio di un disastro azzurro
o
Sopra di sé vide LeChuck che scendeva dall'alto, con le braccia tese, come l’annuncio di una catastrofe azzurra

ma non riusciva nemmeno ad alzarsi correttamente.
ma non riusciva nemmeno bene ad alzarsi.

diventando un arco azzurro ghiaccio dalla forma di un onda sinusoidale attraverso le dimensioni oscure
diventando una sinusoide azzurro ghiaccio che si inarcò tra le dimensioni oscure

Dietro di lu, sulla sua traiettoria curva
Dietro di lui, sulla sua traiettoria curva

l'unico segno di abitazione in quella zona - delle luci brillanti erano disposte intorno a
l'unico segno di abitazioni nella zona - delle luci brillanti disposte intorno a

Mentre Stan, faceva il punto della sua scorta, guardò improvvisamente
Stan, che stava controllando le proprie scorte, guardò improvvisamente
(non so se si tratta proprio di ‘scorte’, o se si parla di denaro)

vide un oggetto bianco e rosa che gridava, il quale sfrecciava verso
vide un oggetto bianco e rosa che gridava e sfrecciava verso

atterrò infrangendosi nella Macchina del Grog
atterrò schiantandosi sulla Macchina del Grog

vennero fuori dallo slot.
vennero fuori dalla fessura.

"Bello rivederti, ragazzo mio!" disse al rannicchiato Guybrush, ancora intrappolato nella scatola rosss sgargiante
"È bello rivederti, ragazzo mio!" disse al rannicchiato Guybrush, ancora intrappolato nello scatolone rossa sgargiante
(o anche cassone o cabina)

il corpo blu, trasparente di LeChuck
il trasparente corpo blu di LeChuck

Un uomo che distingue la qualità.
Un uomo che sa distinguere la qualità.
o
Un uomo con un occhio per la qualità.

Il pugno di LeChuck si stava avvicinando alla velocità di un protone in un acceleratore di particelle.
Il pugno di LeChuck si stava avvicinando alle velocità tipiche di un acceleratore di particelle.

Un uomo che conosce un buon affare quando lo...
Un uomo che riconosce un buon affare quando lo...

La scocca in metallo della Macchina del Grog non gli dava possibilità - evidentemente era stata costruita con le parti più resistenti delle navi di Stan
La scocca in metallo della Macchina del Grog non cedeva - evidentemente era stata costruita con roba più resistente delle navi di Stan

con Guybrush all'interno, contuso.
con Guybrush all'interno, gravemente contuso.

LeChuck raggiunse con un braccio fantasma la fessura principale della macchina
LeChuck infilò un braccio fantasma su per la fessura principale della macchina

La pressione del gas della birra di radice fece scoppiare il cappuccio
La pressione della birra di radice gassata fece saltare il tappo

I tremori peggioravano e sempre più gocce di sudore sprizzavano via dal suo corpo fantasma.
I tremori peggiorarono e sempre più gocce di sudore sprizzarono via dal suo corpo fantasma.

Instant replay:
Replay istantaneo:
(ma va bene anche lasciarlo in inglese, se preferisci)

I tremori peggioravano e sempre più gocce di sudore sprizzavano via dal suo corpo fantasma.
I tremori peggiorarono e sempre più gocce di sudore sprizzarono via dal suo corpo fantasma.

ebbe la sfortuna di essere direttamente sopra LeChuck quando esplose
ebbe la sfortuna di trovarsi direttamente sopra LeChuck quando questo esplose

guardò giù vedendo un orribile volto grigio
guardò giù e vide un orribile volto grigio

Il volto perse velocità così come la aveva aquisita
Il volto perse velocità mentre si avvicinava

si arrestò a soli pochi piedi sotto il gabbiano, che fu meno che felice di ciò.
si arrestò a soli pochi piedi dal gabbiano, che fu tutto meno che felice di ciò.
o
si arrestò solo pochi piedi sotto il gabbiano, che fu tutto meno che felice di ciò.

Guybrush, alzando lo sguardo verso il cielo dopo LeChuck, vide come i fuochi d'artificio di ogni colore e genere scoppiavano nel cielo notturno
Guybrush, con gli occhi alzati verso il cielo per seguire LeChuck, rimase a guardare mentre fuochi d'artificio di ogni colore e genere scoppiavano nel cielo notturno
o
Guybrush, con gli occhi alzati verso il cielo per seguire LeChuck, guardò mentre fuochi d'artificio di ogni colore e genere scoppiavano nel cielo notturno

Spettacolari scie di luce si vedevano sopra
Spettacolari scie di luce furono viste sopra

E in mezzo a tutto questo chiasso, Guybrush pensò che per recepire un piccolo oggetto che precipitava a grande velocità sul terreno, questo doveva essere estremamente rumoroso.
E in mezzo a tutto questo, Guybrush pensò di riuscire appena a distinguere un piccolo, scuro oggetto svolazzante estremamente rumoroso che precipitava a grande velocità verso il terreno.

Entrambi videro nel cielo come i fuochi d'artificio diventavano sempre più cangianti e splendenti.
Entrambi guardarono su nel cielo mentre i fuochi d'artificio diventavano sempre più cangianti e splendenti.

Certo. Stan ne ha ancora - Ciumbia, spero che Stan stia bene...
Mentre ero nella macchinetta da Stan - Ciumbia, spero che Stan stia bene...


mentre Guybrush pronunciava queste parole
mentre Guybrush pronunciava queste stesse parole

ma per fortuna l'albero maestro che era caduto al largo dalla scimmia di mare era ancora lì, galleggiava fuori dall'acqua
ma per fortuna l'albero maestro che era caduto dalla Scimmia di Mare era ancora lì, che spuntava dall'acqua

Tornando a Stan, i fuochi d'artificio non conoscevano fine
Tornando alla rivendita di Stan, i fuochi d'artificio non conoscevano fine

Il suo equipaggio non era qui per vedere questo spettacolo
Il suo equipaggio non si trovava lì per vedere quello spettacolo

Non posso esludere che Guybrush fosse in qualche modo responsabile dell'affondamento della nave con quella pietra...
Non riesco ad escludere la sensazione che Guybrush sia stato in qualche modo responsabile di quella pietra che ha affondato la nave...

«Yeah», concordò
“Già”, concordò

era vestito in modo troppo elegante per il caldo tropicale e se ne rendeva conto
era troppo vestita per il caldo tropicale e lo sentiva molto

Prima usciamo di questa capanna
Prima usciamo da questa capanna

Qualche idea di come riuscirci?
Qualche idea su come riuscirci?

chiese Elaine, in piedi alle sue spalle, con le stelle nei suoi occhi.
chiese Elaine, in piedi contro la sua spalla, con le stelle negli occhi.

Non pagare mai, più di 79000 lire un computer game
Non pagare mai, più di 79000 lire un gioco per computer

Cosa hai detto?
Cos’è un gioco per computer?

utdefault
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1563
Iscritto il: 19 gen 2014, 17:54

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da utdefault » 30 lug 2016, 17:57

Blackmonkey ha scritto:Ed ecco l'ultima parte!
Wow!
Un'altra novellizzazione completata, Complimenti! :038:

Domanda da fan:
guardando il 1° post di Turok,
ma questa è la "Traduzione soluzione novellizzata di MI1 --- monkey island 1.txt" od ancora un'altra, eh?! :laugh:

Avatar utente
Blackmonkey
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1920
Iscritto il: 10 ott 2011, 12:20

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Blackmonkey » 30 lug 2016, 21:50

Sì, è quella. Quel 100% credo riguardasse la traduzione, non la correzione.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 2 ago 2016, 8:08

Ok ragazzi, io ho apportato tutte le correzioni. Adesso come posso fare per postare tutta la soluzione novellizzata tradotta e corretta? Magari in allegato?
Non trovo il tasto e non sono con il pc a portata di mano, sto provando a fare il tutto con il cellulare.

Avatar utente
Blackmonkey
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1920
Iscritto il: 10 ott 2011, 12:20

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Blackmonkey » 2 ago 2016, 8:51

Allegati non mi pare si possano aggiungere. Se riesci a caricare il file su un servizio di hosting (es. uploadmb.com, che non richiede registrazione) e mettere qui il link me lo scarico e lo metto insieme alle altre traduzioni.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 2 ago 2016, 16:16

Quello non l'ho mai fatto.
Se mi dai il tuo indirizzo email, ti spedisco il testo completo e poi aggiungete tutte le minuzie (vedi immagini, sfondo, tipo di carattere ecc.) del caso

Avatar utente
Blackmonkey
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1920
Iscritto il: 10 ott 2011, 12:20

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Blackmonkey » 2 ago 2016, 18:51

Ti ho mandato un pm.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 6 ago 2016, 0:32

Ora tocca a voi.....
Buon lavoro a tutti

Avatar utente
Federico M.
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 378
Iscritto il: 16 apr 2015, 15:27
Contatta:

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Federico M. » 6 ago 2016, 3:29

turok ha scritto:Ora tocca a voi.....
Buon lavoro a tutti
Grande, Turok!
Ora però devo rileggermi un po' di pagine del topic, ammetto di essere rimasto indietro.

Avatar utente
Blackmonkey
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1920
Iscritto il: 10 ott 2011, 12:20

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Blackmonkey » 6 ago 2016, 10:13

Ho ricevuto la tua mail. Al momento non sono a casa, appena torno vedo di pdfizzare il tutto.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 12 ago 2016, 23:56

Scusate l'intrusione, volevo dirvi che sto traducendo la soluzione novellizzata di Monkey Island 2: LeChuck revenge.
Quando questa soluzione sarà completata per bene, fatemi sapere dove postare la soluzione di MI2.
Grazie a tutti e ciao.

utdefault
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1563
Iscritto il: 19 gen 2014, 17:54

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da utdefault » 13 ago 2016, 0:20

Se si tratta sempre della serie delle Novellizzazioni, si può continuare anche qua.
Così da mantenere un bel Tomo delle Novellizzazioni tutte! :045:

Nel caso, ovviamente,
va continuamente editato il 1° post così da aggiornare i progress di traduzione per i fan in public.

In quanto proposta
a Voi, Turok e Blackmonkey, la decisione finale per la continuazione degli stessi. :144:

Ciao
e
Complimenti per il lavoro svolto! :038:


p.s.:
riprendendo questo post
state pensando ad una possibile cover, se non propriamente quella, di presentazione (se fosse possibile anche interattiva)
delle opere tradotte/trascritte quando saranno concluse tutte le novellizzazioni?

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 13 ago 2016, 6:24

Per quanto riguarda la cover, pensateci Voi, in quanto non è il genere di lavoro in cui mi sento in grado di operare

Avatar utente
Blackmonkey
Principe dei Caraibi
Principe dei Caraibi
Messaggi: 1920
Iscritto il: 10 ott 2011, 12:20

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da Blackmonkey » 13 ago 2016, 6:51

turok ha scritto:Quando questa soluzione sarà completata per bene
Al riguardo ti ho inviato un PM.

Per il resto, puoi continuare tranquillamente in questa discussione.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 15 ago 2016, 7:30

Blackmonkey, ho letto il PM.
Fai tu come ritieni più giusto, l'importante è portare a termine la traduzione.

Avatar utente
turok
Comandante dei Sargassi
Comandante dei Sargassi
Messaggi: 180
Iscritto il: 19 set 2010, 7:36

Re: [Traduzioni] Le memorie di Guybrush Threepwood

Messaggio da turok » 15 ago 2016, 7:41

MiW-Special-Box
Prologo

Elaine Marley aveva strettamente fissato la corda alle barre d'acciaio che sorgevano dal cemento armato. Diede un ultimo sguardo all'isola, verso i cumuli di terra che prima avevano nascosto il tesoro di suo nonno. Quindi, tenendo in modo serrato la corda, scese nel foro spuntato nel basamento in cemento armato.
L'interno era vuoto, e piuttosto spazioso. C'era un'ampio spazio sotto di lei - non riusciva nemmeno a vederne il fondo, anche se il sole dei tropici era quasi sopra la sua verticale. Poteva vedere, tuttavia, una corda bianca appesa al margine opposto della camera di cemento. Appeso a questa c'era la figura dispiaciuta di Guybrush Threepwood. Nell'altra mano teneva una grande cassa di legno.
Elaine se lo aspettava. Da quando aveva sentito l'esplosione, in qualche modo sapeva che era stato Guybrush. "Bene, bene, bene," disse. "Guybrush Threepwood. Ti trovi in uno strano posto."
"Ehm", disse Guybrush, un pò imbarazzato. "Ciao Elaine. Pensi di potermi aiutare?" proseguì, non aspettandosi una risposta positiva. Se la conosceva bene, le cose sarebbero solo andate a peggiorare.
Come c'era da aspettarsi, non sembrava che Elaine stesse per entrare in azione. "Come sei entrato in questo pasticcio?" chiese.
"È una una lunga storia", spiegò Guybrush, agitando un pò la corda, nel tentativo di spostare l'attenzione di Elaine. Per un momento, il movimento stava per ristabilire un pò di vita di un arto che si era intorpidito da ore. Per fortuna, passò.
«Non importa, ho tempo", disse Elaine.
Guybrush sospirò.
"Beh, tutto ha avuto inizio sull'isola di Scabb," disse con voce stanca. "Alcuni dei miei ammiratori hanno insistito perché io raccontassi ancora la storia evaporante di LeChuck ..."

Monkey Island 2: LECHUCK'S
REVENGE

Scabb Island.

C'erano molte isole nascoste nel profondo dei Caraibi. Scabb Island, tuttavia, era quasi dimenticata; non vi erano, infatti, molte isole nelle sue vicinanze. Stava lì, solitaria, anche perché, come sua sorella Mêlée Island, era un'isola per i pirati. C'erano alcune isole dove i pirati erano tollerati, e alcune in cui erano addirittura benvoluti. Ma forse l'isola di Scabb, ormai, era l'unica isola dove i pirati erano liberi di essere pirati, in tutta la loro gloria e il loro lezzo.
C'erano molti personaggi interessanti su Scabb Island. Ma, dal punto di vista della storia, le tre figure più interessanti erano i pirati attualmente seduti su tronchi intorno un fuoco, su una delle spiagge meno inquinate più prossime all'insediamento principale dell'isola. Due di loro, Bart e Fink, sarebbero stati lì comunque. Ma il terzo era un visitatore, e niente di meno che, il grande Guybrush Threepwood.
Il nostro Guybrush stava raccontando una storia, e stava arrivando proprio al punto cruciale.
"Così irrompo nella chiesa e dico: 'Ora me la paghi, sacco di patate!' E così LeChuck si mette a piangere, 'Guybrush! Abbi pietà! Non ne posso più!'"
«Credo di sapere come si debba essere sentito", commentò seccamente Fink. Era un pirata alto, dalla pelle scura con una spaventosa benda sull'occhio, e teneva una bottiglia di grog in mano. Si era appoggiato sulla schiena e si era passato una mano sui folti baffi.
Bart, che era seduto su un altro tronco a riscaldare qualcosa di bianco e gonfio sul fuoco, aveva concordato. "Se ascolto questa storia ancora una volta, mi metto a piangere io."
«Non hai qualche nuova storia?" chiese Fink.
"Beh, veramente, è il motivo per cui sono qui sull'isola di Scabb", disse Guybrush. Guardava il fuoco che ardeva fortemente, proiettando un bagliore giallo sulle figure sedute sotto il cielo blu della notte. Erano passati molti mesi da quando aveva distrutto LeChuck, e se l'essere un pirata significava fare di più, allora lui avrebbe fatto di più. Tanto per cominciare, si stava facendo crescere la barba. Non era ancora così folta, ma Guybrush era sicuro che sarebbe maturata nel tempo. Come era già accaduto.
Anche il suo carattere era cambiato un po. L'innocente Guybrush che era abituato a ricevere insulti come un maiale è abituato a girarsi nel fango, o, come si è soliti dire, un pesce desidera l'acqua - adesso era un pò diverso. Non era un bevitore di Grog - gli irritava molto la gola - ma veniva ricordato sicuramente per la parlantina veloce e i modi sgarbati propri dei pirati. Una conseguenza di ciò è stato lo sviluppo di un proprio ego. Ogni pirata ne aveva uno - non si poteva andare in giro con un nome come Dreadbeard se si era un po insicuri.
Alzò lo sguardo. "Beh, veramente, è il motivo per cui sono qui sull'Isola di Scabb", disse con orgoglio.
"Sono immerso in una nuova avventura".
"Ti fai crescere i baffi?" chiese Bart.
"No,"Meglio ancora".
"La barba?!?" disse Bart, stupito, un pò preoccupato alla vista di quel piccolo, pallido, pirata con la coda di cavallo e con una barba che avrebbe potuto ospitare un allevamento di pidocchi.
Guybrush si massaggiò la peluria castana sul mento. Ovviamente la barba aveva bisogno di qualche ritocco. «No, sono alla ricerca di un tesoro", disse. "Il più grande di tutti i tesori. Un tesoro così prezioso, e ben nascosto, che perseguita i sogni di tutti i pirati dei sette mari".
"Vuoi dire," iniziò Bart con voce impaurita. Guardò Fink.
"Big Whoop?" dissero contemporaneamente.
"Certamente", confermò Guybrush.
"Perché sei venuto qui?" chiese Fink. "Non ci sono tesori sull'isola di Scabb!" In linea, praticamente con ogni altra isola dei pirati che sia mai esistita nei Caraibi, i tesori dell'isola di Scabb erano finiti secoli fa.
"Beh, prima non ne ero al corrente!" disse Guybrush irritato. Aveva pensato che l'isola di Scabb sarebbe stata il luogo perfetto per iniziare. Ma la realtà era meno entusiasmante. "Ora sto cercando di noleggiare una nave per cercare altrove. Quando tornerò, avrò ricchezze in abbondanza e una nuova storia".
«O sarai morto provandoci", aggiunse puntualmente Fink.
Bart si strinse nelle spalle. "Ad ogni modo, non dovremo più sentire parlare di LeChuck", disse.
Guybrush si alzò e si allontanò, il suo cappotto blu svolazzante contro le sue gambe. Ai piedi del sentiero che conduce alla città si fermò. "Ah!" disse ironicamente, abbastanza sicuro che fosse a portata d'orecchio. "Quei ragazzi non saprebbero raxcontare una bella storia, neanche se l'avessero pagata. Quando troverò Big Whoop diventerò una leggenda tra i pirati per le generazioni a venire". Scosse la testa, un pò demoralizzato dalle vicende. "Se solo potessi noleggiare una nave e andarmene da quest'isola puzzolente ..."
Pensando alla possibilità di una nuova avventura, si incamminò lungo il sentiero che portava alla città.

Rispondi